CONDIVIDI

image

A Castelvolturno Conferenza Stampa di Rafa Benitez alla vigilia della sfida casalinga contro l’Udinese , con il pensiero inevitabile alla sfida Champions di mercoledì 11 Dicembre contro l’Arsenal. Ecco quanto dichiarato dal tecnico spagnolo:

“Abbiamo perso Zuniga e Mesto, due giocatori che facevano questo ruolo con Palbo Armero e Maggio. Difficile aggiustare tutto. Abbiamo giocato con squadre forti. La cosa importante è trovare equilibrio in fase difensiva.”

Hamsik ancora assente : “Hamsik ha avuto un colpo al piede, ha un edema che si deve riassorbire. Dobbiamo aspettare e vedere come va. Sicuro non gioca a Udine, vedremo con l’Arsenal. Ho visto che Behrami ha subito un colpo e Reina ha qualche problema, valuteremo domani.”

L’Udinese: “E’ una squadra che ha fatto una grandissima partita contro la Juve. Dobbiamo stare attenti, sappiamo che sarà difficile. “

Campionato e Champions: “Abbiamo parlato prima dell’altra sosta, sono partite diverse. Aspettiamo Gennaio per un bilancio. Chiaramente sono partite importanti. L’unica diversa è l’Arsenal, perché ci dirà Champions si, o Champions no. Per le altre dobbiamo lavorare e continuare a far bene.”

La rosa azzurra: “Il credo che nessun allenatore è soddisfatto al 100% della sua squadra, tutti vogliono qualcosa in più, e sappiamo che per arrivare dove vogliamo arrivare, tutti , ci tocca lavorare oggi e a gennaio vedere se qualcuno arriva e ci aiuta, ma la rosa è già sufficiente per far bene nel campionato italiano”

Reveillere: “ Ho detto la settimana scorsa e lo dico adesso. Lui si allena bene e sarà mia la decisione di farlo giocare. E’ una possibilità che abbiamo adesso e prima non avevamo.”

Arsenal: “ Questa è la partita più importante per noi. Questa è una partita dove tutti devono capire che dovranno essere concentrati. La nostra forza per il campionato è che se gioca uno o un altro la differenza non deve essere così grande. “

La squadra: “Una squadra forte deve avere varie opzioni. Se dobbiamo vincere partite con la ripartenza lo facciamo, Se dobbiamo difendere tutti insieme lo stesso. “

Higuain: “Higuain quando era infortunato lo abbiamo perso per diverse settimane. Adesso è un giocatore che fa la differenza.”

Pandev: “Goran è un giocatore molto intelligente in campo. Sa quello che deve fare e dove mettere la palla. Lo sapeva già fare prima. Come lui è intelligente anche Higuain è intelligente, se deve giocare più alto o più basso lo capisce lui, per essere più utile alla squadra.”

Mondiali: “ Mi interessa soprattutto l’Udinese. Se parliamo del Mondiale il Brasile è favorito perché gioca in casa. Poi Italia Spagna e Germania sono tra e più forti.”

Il 75%:  Per questo 25% che manca, come ho detto prima, sappiamo che abbiamo subito qualche gol. Qualche volta si vince e qualche volta si perde. La fase offensiva e la fase difensiva si possono migliorare.”

Il San Paolo: “E’ un vantaggio per noi perché davanti ai tifosi la squadra ha una mentalità giusta e i tifosi caricano sempre la squadra. La squadra deve essere intensa e positiva e sapere quello che deve fare. Quando attacchiamo l’equilibrio è la cosa importante. Se dobbiamo cambiare qualcosa lo abbiamo fatto e la squadra è sempre concentrata”.

Gli esterni:“Noi sappiamo che questi giocatori esterni fanno molto per la squadra. Per il fututo lo stesso, possono giocare Mertens, Insigne e Callejon e il lavoro che fanno in fase difensiva è importante per noi.”

“Quando si perde mi arrabbio sicuro, più di quando vinciamo. Dobbiamo fare analisi lo stesso.

Dzemaili : “Abbiamo fatto tante ipotesi. Possiamo giocare sempre con lo stesso modulo e farlo bene fino alla fine. Possiamo cambiare in corsa.  Alla fine siamo 4 attaccanti. Credo che non è un discorso di modulo , ma di quello che fanno i giocatori in campo.”

Radosevic: “ Io ho sempre parole positive per Rado. Perché è un giocatore fantastico. Quando una squadra vince ed è ai vertici non è facile dar spazio a questi giovani. Io lo vedo migliorare e lo seguo. E’ meglio farlo entrare pian piano.”

La competizione tra giocatori è fondamentale. Entrano in campo con la mentalità giusta, questo è un aspetto positivo.”

Roberto Sica