CONDIVIDI

PANORAMICASANPAOLO-NAPOLI-TORINO-06-01-2016-FOTOCUOMO

A caccia del secondo successo consecutivo. Così si esce dalla crisi! Il Napoli questa sera al San Paolo affronta l’Empoli per la decima giornata del campionato di Serie A. Gli azzurri di Sarri, dopo il successo di Crotone cercano continuità per scalare nuovamente la classifica e guadagnare il secondo posto in classifica provando a scavalcare Roma e Milan.

Una gara importante che anticipa la super sfida di sabato 29 Ottobre che vedrà gli azzurri impegnati a Torino contro la capolista Juventus. Ma andiamo per gradi: pensiamo all’immediato presente che vede la squadra di Sarri già pronta per la sfida casalinga contro i toscani.

Al San Paolo arriva l’Empoli di Martusciello, tecnico campano tifoso del Napoli: Empoli: “Tifo Napoli e ritrovo Sarri: spero che vinca qualcosa di importante, ma dalla prossima” Queste le parole dell’allenatore dei toscani che faranno di tutto per conquistare punti al San Paolo nonostante la difficile situazione in classifica con l’Empoli penultimo in classifica a braccetto con il Palermo a quota 6 punti.

Una ghiotta occasione per il Napoli, anche alla luce delle precedenti gare giocate al San Paolo che vedono gli azzurri favoriti: su dieci gare giocate sono infatti ben 7 i successi dei partenopei, mentre la squadra toscana ha vinto una sola volta in casa degli azzurri. Due i pareggi.

Il Napoli proverà a centrare i tre punti per ritrovare continuità e punti importanti per risalire la china dopo i due stop con Atalanta e Roma.

Ampio turnover in casa Napoli: in difesa ballottaggio a tre tra Koulibaly, Maksimovic e Chiriches. Maggio fa rifiatare Hysaj. A centrocampo dovrebbe rientrare Jorginho, a riposo nella gara contro il Crotone. Riposo anche per il capitano Marek Hamsik. Al suo fianco Zielinski e Allan. In attacco senza Gabbiadini il trio sarà composto da Insigne, Mertens e Callejon.

A dirigere la gara ci sarà l’arbitro Mariani di Aprilia. Non ci sarà il pubblico delle grandi occasioni. Previsti poco più di 15mila spettatori. Pochi, ma abbastanza per suonare la carica azzurra.