CONDIVIDI

Soccer: Serie A; Pescara-Napoli

Si parte con un pari… inseguito, preso per i capelli, o forse anche un po’ stretto, un successo sfumato per un errore arbitrale, ma anche per qualche errore degli azzurri in un primo tempo decisamente sottotono. Il Napoli pareggia 2-2 a Pescara nella prima giornata di campionato. Una doppietta del neo entrato Mertens salva i partenopei c’è erano andati sotto di due reti nel primo tempo.

Azzurri in campo con la formazione tipo della passata stagione con Jorginho squalificato e sostituito da Valdifiori e in attacco Gabbiadini con le spalle cariche dalla pesantissima eredità del bianconero Higuain.

Al 10′ vantaggio di Benali, poi il raddoppio di Caprari che apre subito le polemiche e getta il napoli quasi nello sconforto. Nella ripresa ci pensa Sarri a mettere a posto le cose con due cambi: fuori l’evanescente Insignee dentro Mertens, e in attacco out Gabbiadini e spazio a Milik. Cambia la manovra, cambia l’intensità, cambia l’approccio, e il Napoli in tre minuti pareggia i conti grazie alla doppietta di Mertens che in occasione del primo gol, bellissimo, con un tiro a giro che si insacca nell’angolo, si rivolge con lo sguardo alla panchina…quasi innescando una mezza polemica. Tre minuti dopo ecco il pari con un rasoterra facile dopo un cross bucato dalla difesa abbruzzese. Tutti si attendono il tris, e invece la gara termina sul pari, con un “giallo” rigore, assegnato dall’arbitro al Napoli e poi annullato dall’arbitro di porta per un fallo di Albiol su Bizzarri. Finisce 2-2, un punto guadagnato, o due persi… Questo si vedrà, ma di positivo c’è stata la buona reazione della squadra che comunque anche nel primo tempo aveva creato qualche buona trama di gioco non trovando però occasioni per impensierire più di tanto la squadra di Oddo. E pensare che lo scorso anno l’avvio di campionato a Sassuolo fu decisamente peggiore, con una sconfitta e le solite polemiche. E adesso si guarda avanti. Prendiamo la parte buona e guardiamo al prossimo impegno casalingo al San Paolo contro il Milan di Montella, già vittorioso nella prima giornata grazie ad un tris del tanto corteggiato Bacca. La prima è andata… rimbocchiamoci le maniche e guardiamo avanti…