CONDIVIDI

Callejon

Sono bastati 1038 minuti a José María Callejón Bueno per conquistare i tifosi del Napoli. L’esterno spagnolo,sin da subito, è diventato un calciatore fondamentale e imprescindibile nello scacchiere di Rafa Benitez. Arrivato per 10 milioni di euro quest’estate dal Real Madrid è un prodotto della cantera dei Blancos. Quest’estate in una delle diverse conferenze stampa nel ritiro del Napoli a Dimaro, Rafa Benitez si soffermò su Josè Maria Callejon, arrivato in Italia con qualche dubbio sulle sue qualità: un po perchè non era riuscito ad entrare mai in pianta stabile negli undici del Real Madrid,un po’ per il suo aspetto fisico ritenuto troppo esile e infine per la sua posizione un po’ da trequartista un po’ da seconda punta che poteva rendere difficile la sua collocazione tattica: ma Benitez contava su di lui e sulle sue doti di attaccante bravo a partire da dietro e ad inserirsi, come fa anche Hamsik. Il tecnico spagnolo rispondendo alle curiosità dei giornalisti che si chiedevano quanti gol potesse realizzare un giocatore del genere, lanciò una scommessa dicendo che Callejon poteva segnare 15-20 gol.Quest’affermazione lasciò perplessi i presenti e chi ascoltò quelle parole da casa, ma ora, l’impressione è che Rafa Benitez non sparò quella cosa a caso:dopo quattordici turni di campionato lo spagnolo ha già realizzato 7 gol mettendosi alla pari con Higuain nella classifica dei marcatori azzurri e segnando più dei vari Hamsik,Pandev,Insigne e Mertens. Lo spagnolo, oltre ad andare in gol, impressiona per la sua corsa instancabile, per il lavoro in fase difensiva e per la sua qualità.Anche ieri,nella gara con la Lazio,Callejon ha messo a segno il gol del 4-2 con il quale ha sigillato i tre punti del Napoli ed ha dimostrato che di lui il Napoli non può farne a meno: raddoppia sistematicamente prima Lulic e poi Gonzalez, occupa il posto di Maggio quando quest’ultimo gli si sovrappone, è il primo ad andare in avanti quando si attacca e il primo a tornare in fase difensiva quando l’avversario si fa sotto. Oltre a queste qualità, ciò che ha impressionato in queste apparizioni è la velocità di esecuzione dello spagnolo. Quando dribbla, fa un passaggio di prima o s’inserisce senza palla, pare avere sempre una marcia in più rispetto ai compagni e agli avversari. Insomma, l’ex Madrid sa fare tutto, e sa farlo bene.Ora resta da vedere se Benitez vincerà la scommessa: per ora i numeri di Callejon confermano che lo spagnolo davvero può arrivare a segnare oltre dieci gol, e magari convincere Del Bosque a portarlo ai mondiali in Brasile con la sua Spagna.

Francesco Carbone