CONDIVIDI

image

Il Napoli ha battuto la Lazio all’Olimpico 4-2. Partita ricca di emozioni da entrambi i fronti ma da segnalare tanti errori da parte delle difese. Benitez decide di dar fiducia ai suoi ragazzi e non cambia la formazione. Petkovic, invece, deve fare a meno di Klose e si affida a Perea in avanti con Hernanes a supporto.

Nella prima parte del match il Napoli sembra contratto, ancora attanagliato dalle paure delle partite precedenti, condizionato dalle sconfitte consecutive. Candreva ha vita facile sulla fascia contro un Armero a tratti imbarazzanti. Proprio il laterale laziale ha un’occasione ghiottissima ma il suo tiro finisce a lato. Ma al 24’ un lampo nel buio: verticalizzazione di Inler, tocco di Pandev e Higuain s’invola verso la porta, con il corpo difende la palla e con un tiro in diagonale porta in vantaggio il Napoli. La paura sembra scacciata! Il Napoli è in vantaggio! La gioia, però, dura un attimo: al 26’ cross di Candreva ma la difesa del Napoli pasticcia e Berhami insacca alle spalle di Reina. Autogol e punteggio di nuovo in parità. Prima dell’intervallo ancora un sussulto di Higuain che mette la palla in rete ma la sua posizione è irregolare e Bergonzi annulla.

Nella ripresa il Napoli parte forte, scosso forse dal discorso negli spogliatoi di Benitez. Infatti, al 50’ il Napoli è di nuovo in vantaggio: punizione di Insigne, Higuain mette la palla in area, sponda di Maggio e tap-in vincente di Pandev. Questa volta il Napoli controlla meglio il vantaggio e non rischia quasi mai, anzi cerca le ripartenze per chiudere la gara. Proprio un contropiede ancora di uno strepitoso “Pipita” porta il Napoli sul 3-1. Partita finita? Neanche per sogno. Il Napoli si addormenta e un gol favoloso di Keita, appena entrato, riapre il match quando mancano 2’ al termine. Benitez è una belva in panchina. Sa che questa vittoria è troppo importante per il suo Napoli. La Lazio ci prova, ma ha esaurito le proprie forze. I partenopei ne approfittano e Callejon lanciato a rete da un errore grossolano di Ciani inchioda il risultato sul 4-2 finale. Per il Napoli una vittoria di carattere. A tratti si è rivisto il Napoli di Benitez fatto di triangoli veloci, verticalizzazioni rapide e cinismo da killer. Da registrare ancora la difesa, soprattutto il lato sinistro: il Napoli da quel lato soffre troppo. Ora testa all’Udinese per dare continuità e bissare il successo di stasera.

Il tabellino

Lazio-Napoli 2-4

Marcatori: 24’Higuain, 26’ (A) Berhami, 50’ Pandev, 71’ Higuain, 88’ Keita, 92’Callejon.

Formazioni

Lazio (4-1-4-1): Marchetti; Konko, Ciani, Cana, Radu; Biglia (82′ Onazi); Candreva, Gonzalez (62′ Floccari), Hernanes, Lulic (70′ Keita); Perea. Allenatore: Petkovic. A disposizione: Berisha, Strakosha, Dias, Novaretti, Pereirinha, Cavanda, Ederson, Ledesma, Anderson.

Napoli(4-2-3-1): Reina; Maggio, Albiol, Britos, Reveillere; Behrami, Inler; Callejon, Pandev (74′ Dzemaili), Insigne; Higuain (85′ Mertens). Allenatore: Benitez. A disposizione: Rafael, Colombo, Armero, Bariti, Cannavaro, Fernandez, Uvini, Radosevic, Duvan.

Iervolino Luigi