CONDIVIDI

Con tanto cuore e qualche brivido il San Paolino piega la Nuova Vapor Domicella. Allo Sporting club di Nola finisce 1-0 per i padroni di casa. Decide la rete di Aprea al 18′. Il numero 7 del San Paolino è croce e delizia. Segna ma poi si fa espellere ingenuamente, costringendo i suoi compagni a giocare tutta la ripresa in inferiorità numerica. Nei secondi 45′ la Nuova Vapor Domicella alza il baricentro e prova a rendersi pericolosa. Ma la diga eretta dai padroni di casa tiene e permette al San Paolino di conquistare altri 3 punti fondamentali per la corsa ai play-off.

FA TUTTO APREA- Mungiello perde Iorio e Paura, ma recupera Gianluca Piccolo in difesa. Il tecnico bianconero si affida a un 4-3-3 versatile con Aprea che si abbassa sulla linea mediana in fase di non possesso palla. Gli ospiti rispondono con il 4-4-2. Davanti il tandem Peluso- Vidler. Gara intensa fin dalle prime battute. Si lotta su ogni pallone. Al 6′ la prima occasione per gli ospiti con Nappi che non inquadra il bersaglio da buona posizione.  Due minuti dopo la risposta del San Paolino: Aprea premia il taglio di Ruggiero anticipato dall’uscita provvidenziale di Nunziata. E’ il preludio alla rete dei padroni di casa, stavolta il copione è invertito: Ruggiero lancia per Aprea che prima si fa respingere la conclusione da Nunziata, poi riprende il pallone e insacca. Al 18′ San Paolino avanti 1-0. Il vantaggio galvanizza gli uomini di Mungiello che falliscono il 2-0 con Napolitano che arriva con un attimo di ritardo sul suggerimento del solito Aprea. Nel finale di tempo la gara si incattivisce:  il San Paolino protesta per l’atterramento di Ruggiero in area avversaria, poi Aprea spreca il 2-0 calciando su Nunziata in uscita. Ma quando tutti aspettano l’intervallo, Aprea, fin qui il migliore in campo, si fa espellere ingenuamente lasciando i suoi in 10.

12959530_10207505433487569_1951071359_o

RESISTENZA- L’inferiorità numerica costringe mister Mungiello a passare al 4-4-1 con il solo Napolitano di punta. Ma il centravanti del San Paolino al 47′ deve alzare bandiera bianca per infortunio. Al suo posto entra Vitalone che si piazza sulla linea mediana con Ruggiero isolato in attacco. La Nuova Vapor Domicella spinge e si rende pericolosa sui calci piazzati: al 48′ Nappi in rovesciata manda il pallone sul fondo. Gli ospiti alzano il baricentro e passano alle tre punte con l’ingresso del corazziere Prisco. Ma Gianluca Piccolo è monumentale: tutte le iniziative avversarie si infrangono contro il muro del San Paolino. Anche sulle fasce la musica non cambia: Fernando tiene, Nasti è una furia sulla sinistra, mentre in mezzo al campo Salvatore Piccolo è il solito direttore d’orchestra. Morale della favola, il San Paolino non corre grossi pericoli e Marotta deve limitarsi all’ordinaria amministrazione su qualche tiro dalla distanza. Anzi sono i padroni di casa a sfiorare il colpo del ko con Salvatore Piccolo che impegna Nunziata. Dopo 6′ di recupero arriva il triplice fischio finale. Il San Paolino vince ancora e adesso i play-off non sono più un sogno, ma una realtà sempre più concreta. Giornata dopo giornata. Vittoria dopo vittoria.

 

Mariano Messinese

Twitter:@MarianoWeltgeis