CONDIVIDI

Diego Testa e Sorbino a caccia del sesto titolo: l’ultimo è del 2012

Sorbino offshore

NAPOLI, 30 luglio 2015 – Sabato e domenica sono in programma le ultime due gare del Campionato Italiano della Classe 3000 di offshore. L’appuntamento è nella cittadina calabrese di Cariati (Cosenza), terza ed ultima città ad ospitare il circuito quest’anno dopo Fiumicino e Crotone. Al via c’è anche lo scafo napoletano Sorbino Offshore Team, con a bordo i fratelli Diego ed Ettore Testa. I piloti partenopei, che difendono i colori della Canottieri, sono reduci da due secondi posti e possono ancora inseguire il titolo nazionale.

Al primo posto della classifica provvisoria della Classe 3000 c’è infatti l’equipaggio francese di Guillaume Avril e Regis Barrat, con 660 punti, seguito proprio dai fratelli Testa a quota 635. Più indietro i francesi Pascal Caballero e Jessie Berthois (435 punti), quindi Alex Barone e Riccardo Esperto (350 punti) e i còrsi Matthieu Baccelini e Jean Michel Cecchini (326 punti). Per la vittoria della singola gara saranno assegnati 200 punti.

“Noi ci crediamo, perché non farlo – ha commentato Diego Testa stamani, prima della partenza per Cosenza – Lo scorso anno è andato tutto nel peggior modo possibile, abbiamo avuto guasti tecnici ed incidenti a ripetizione. Questo 2015 è stato un crescendo, siamo partiti con qualche difficoltà all’Europeo ma poi al Campionato Italiano sono arrivati due secondi posti incoraggianti, seppure in condizioni meteo non ottimali per il nostro scafo. Speriamo che il mare non sia troppo piatto, qualche onda sul percorso esalterebbe la qualità degli equipaggi”. Diego Testa andrà a caccia del sesto titolo nazionale dopo quelli del 2001, 2002, 2004, 2007 e 2012.

Le gare si disputeranno nello specchio d’acqua antistante il Porto Turistico di Cariati. Questo il programma: sabato 1 agosto; prove ufficiali (ore 10.45-12.00) e gara alle ore 18. Domenica 2 agosto: gara 2 alle ore 18, premiazione alle 19. L’organizzazione del “Trofeo del Mediterraneo” è affidata al Circolo Nautico Cariati, con il patrocinio del Comune.

 

L’ufficio stampa

 

Marco Caiazzo