CONDIVIDI

MA IL CENTROCAMPISTA SPIEGA A DIMARO, MI GIOCO UNA GRANDE CARTA  

DIMARO (VAL DI SOLE – TRENTINO), 14 LUGLIO 2015 – L’abbinata ValdiFiori – ValdiSole sembra quasi una battuta dei comici di Made in Sud che si esibiranno domenica prossima (19/7), sul palco realizzato in piazza Madonna della Pace in centro a Dimaro, proprio a fianco del Teatro che oggi ha ospitato della prima uscita ufficiale del giocatore neo acquisto della squadra azzurra.Invece molto seriamente il nuovo regista del Napoli spiega di essere difronte “alla prima grande occasione della vita dopo tanta gavetta”. 

Un opportunità simile a quella di Maurizio Sarri, giunto a Napoli da Empoli, proprio come il regista, dopo aver allenato varie squadra. Per entrambi, insomma, un punto importante della carriera. E forse non è un caso se domani sarà Sarri il protagonista della conferenza stampa. Oggi si è parlato di tattica, di gioco, di posizione in campo, di Drone. Delle possibilità di impiego tattico con Hamsik (E’ bellissimo poter giocare con un campione come lui), con Insigne (lo conosco e mi pare una ottima possibilità giocare con lui in asse centrale, con Lorenzo trequartista. Ovviamente tocca a Sarri decidere) e con Jorginho (“Lo conosco ed è bravissimo. L’ho seguito anche a Verona dove ha disputato bellissime stagioni. Giocheremo in un centrocampo a tre e tutti sono preziosi alla luce dei tanti impegni in stagione).

Del credo tattico e di gioco di Sarri. “Il suo gioco punta molto sull’aggressività e sul recupero del pallone per poter immediatamente avviare la nostra azione offensiva. Il suo modulo va capito alla perfezione e noi dovremo seguirlo con il massimo impegno”
Non dimentica l’emozione provata al San Paolo per il calore dei tifosi azzurri. “E’ uno stadio che mette i brividi. Ho ancora nelle orecchie il boato al gol del pareggio di De Guzman nella sfida con l’Empoli dello scorso anno. Sapere adesso che quegli stessi tifosi saranno dalla mia parte è una sensazione stupenda”. Ma d’altronde il calore dei fans partenopei e napoletani il centrocampista l’ha già sentito qui a Dimaro dove ogni giorno in migliaia assistono agli allenamenti e poi si trasferiscono per piazzale per il rito degli autografi e dei selfie che a turno coinvolge tutti i giocatori del Napoli. Compresi il tecnico Sarri che domenica ha incontrato i fans affiancato dal vicepresidente Edoardo De Laurentiis.

Dici Valdifiori e oggi in Val di Sole leggi Sarri: “Conosco benissimo il mister e so quanto chieda il massimo da ogni calciatore – spiega il giocatore -. Sarri non regala niente a nessuno, è un allenatore molto esigente e vuole il cento per cento da ogni suo uomo. A partire dal lavoro negli allenamenti. E’ una persona che dice sempre quello che pensa ed il gruppo lo rispetta anche per questo”.

Circa la posizione in campo, non ha dubbi nel volersi collocarsi davanti alla difesa “Quella è la posizione che ritengo ideale per il mio modo di esprimermi in campo – chiarisce il regista – ma è chiaro che c’è esigenza o possibilità di giocare in altri ruoli io sono disponibilissimo. “Il mister è un perfezionista, cura anche i dettagli in maniera maniacale, d’altro canto si è visto l’anno scorso ad Empoli in una stagione straordinaria. Sarri parla molto con la squadra, anche con i singoli calciatori e ci aiuta a correggere eventuali errori”. 

Un grazie al presidentissimo De Laurentiis. “Sono felice di essere in una Società che gioca sempre per vincere – spiega il giocatore – e ringrazio il Presidente De Laurentiis che mi ha voluto e accolto a braccia aperte ancor prima che venisse Sarri. Mi ha scelto e gliene sono grato. Mi ha dato la possibilità di giocare in un grande Club e adesso voglio ricambiare in campo la stima e la fiducia”. 
Ufficio Stampa Nicer Srl