CONDIVIDI

higuain deluso

Delusione Napoli! A Roma gli azzurri sconfitti uno a zero dalla Roma con un gol di Pjanic.  Gli azzurri sprofondano in classifica a -9 dalla Roma e forse dicono addio al secondo posto.

Roma e Napoli  in campo alle 12.30 si affrontano allo Stadio Olimpico per una sfida attesissima che vale molto in chiave Champions. Napoli e Roma reduci da un periodo opaco, da antijuve, quali si erano proposte ad inizio stagione, si affrontano per difendere e conquistare, il secondo posto che vale l’accesso diretto in Champions sotto gli occhi delle antagoniste, Lazio, Sampdoria e Fiorentina.

La Roma ritrova Balzaretti, convocato da Garcia ma solo in panchina e perde il capitano giallorosso Francesco Totti. In attacco Florenzi, Ljajic e Iturbe.Tante sorprese invece per il Napoli, in campo con la maglia azzurra. in difesa non c’è Koulibaly, al fianco di Albiol spazio a Britos.A centrocampo parte dal primo minuto Jorginho, schierato al posto di Gargano. In attacco ancora fuori Marek Hamsik e Gabbiadini, nel tridente alle spalle di Higuain il tecnico spagnolo manda in campo Callejon, De Guzman e Mertens.

Fuori dal campo attenzione per una gara a rischio per i recenti eventi di cronaca che nulla hanno a che fare con il calcio. Divieto di trasferta per i tifosi partenopei residenti in campania. Tra i circa 40 mila dell’Olimpico il sostegno agli azzurri è assicurato da un migliaio di tifosi sparsi nello stadio. Non mancano i cori razzisti dei romani contro Napoli e i Napoletani e uno striscione contro Antonella Leardi, madre di Ciro Esposito: “Che cosa triste…lucri sul funerale con libri ed interviste”, episodi che confermano la lontananza tra due tifoserie che sono troppo lontane, dopo i fatti accaduti lo scorso anno in occasione della finale di coppa Italia tra Fiorentina e Napoli che portò alla morte del tifoso azzurro Ciro Esposito, nonostante l’inutile tentativo di una campagna di sensibilizzazione fatta in questi giorni, nel tentativo di distendere il clima per una gara molto sentita.

La gara parte con ritmi lenti, le squadre in avvio hanno paura di farsi male e la gara non decolla. Si alza invece il nervosismo, tra tutti il capitano della Roma Daniele De Rossi che dopo un primo brutto intervento a centrocampo, si ripete su Jorginho e viene ammonito dall’arbitro. Qualche minuto dopo il giallorosso commette ancora un fallo di mano ma l’arbitro non estrae il cartellino rosso.

Il Napoli si fa vedere dalle parti di De Sanctis con un colpo di testa pericoloso di Britos, ma sbloccare il risultato sono i giallorossi che al 24’ trovano il vantaggio: Florenzi va via sulla destra, vede l’inserimento di Pjanic in mezzo all’area, e il centrocampista della Roma batte Andujar con un rasoterra micidiale che si insacca per l’1-0.

Il Napoli reagisce trascinato da Higuain: l’argentino al 39’ innesca Callejon che si invola verso la porta di De Sanctis ma invece di tirare serve De Guzman che cerca il tiro ma trova l’opposizione di Manolas.

Al 41’ ancora straripante Higuain, cerca il tiro che viene deviato, poi ci riprova con un tiro a giro che sfiora l’incrocio dei pali.

Si va a riposo con il vantaggio della Roma. Giallorossi micidiali in una delle poche occasioni della gara con Pjanic, al terzo gol segnato contro gli azzurri.

Nella ripresa il Napoli entra in campo più determinato a cercare il pareggio e nei primi minuti chiude la Roma nella propria metà campo.

Subito occasione per Mertens al 53’ ma il suo tiro è respinto da De Sanctis, tre minuti dopo il belga si ripete, ma l’ex portiere azzurro si ripete e salva la porta della Roma.

Al 61’ cambio nel Napoli, esce Callejon ed entra Gabbiadini per cercare di dare una scossa in attacco.

Il Napoli cerca con insistenza il pareggio, tra i più vivaci ancora Mertens che ci prova ancora per ben due volte, prima con un tiro a giro al 63’ ma il pallone esce alto di poco, poi ancora al 65’, ma viene chiuso in calcio d’angolo.

Gabbiadini appena entrato non resta a guardare, e ben imbeccato da un cross di De Guzman, al volo trova la spledida deviazione trovando la pronta risposta di De Sanctis che vola all’incrocio e salva ancora deviando in angolo.

Il Napoli non riesce a trovare il pari e Benitez manda in campo anche Duvan Zapata richiamando in panchina Gonzalo Higuain. Nel finale spazio anche a Lorenzo Insigne che entra in campo al posto di De Guzman dopo l’infortunio subito a Novembre contro la Fiorentina.

Il napoli nel finale non riesce a trovare il gol, che sfiora invece la Roma all’88’ con Iturbe, che si inserisce bene al centro dell’area e da buona posizione calcia a lato.

Dopo 4 minuti di recupero finisce così! La Roma batte 1-0 il Napoli, torna alla vittoria e cosolida la sua posizione in classifica. Il Napoli sprofonda e forse dice addio al secondo posto. Ennesima sconfitta in trasferta per gli azzurri che forse avrebbero meritato almeno il pareggio. La Roma ha avuto il merito di trovare il vantaggio e di difenderlo con i denti. Napoli a 9 punti dalla Roma e stasera potrebbe trovarsi addirittura fuori dall’Europa League. Pasqua amara per il Napoli…in campionato si fa dura, aspettando il riscatto nelle coppe!

Roberto Sica