CONDIVIDI

image

Il Napoli perde a Roma 1-0 e dice addio alla possibile qualificazione in Champions. La distanza da Roma e Lazio è ormai incolmabile. In una partita dove i singoli e i giocatori di valore devono decidere il risultato, oggi il Napoli ha deluso completamente dal primo all’ultimo.

Nel primo minuto da segnalare subito i cori contro Napoli e il Vesuvio. Il Napoli nei primi minuti attende la Roma nella propria metà campo mettendo in difficoltà il gioco della Roma. Appena rubano palla gli azzurri mettono in apprensione la difesa giallorossa con la velocità di De Guzman e Mertens. Al 19′ arriva il primo brivido per la difesa del Napoli su una punizione tagliata di Pianjc che sfiora il palo. Al 24′ la Roma passa: azione in verticale dei giallorossi con Lialjic che con un rasoterra mette al centro per Pianjic che batte Andujar per il vantaggio della Roma. Il Napoli prova a reagire ma prima De Guzman e poi Mertens non sono abbastanza cattivi. Al 38′ occasione incredibile per il Napoli con Callejon che solo davanti alla porta, dribbla anche l’ultimo difensore ma inspiegabilmente non calcia servendo De Guzman che viene rimpallato. Al 41′ ancora occasione per il Napoli con Higuain ma il suo pallonetto finisce alto.

Nel secondo tempo al 5′ subito occasione importante per il Napoli con Mertens che davanti a De Sanctis prova con la punta ma il portiere ex Napoli blocca a terra. Al 11′ stessa azione ancora di Mertens ma De Sanctis dice ancora di no. Al 15′ Benitez cambia: fuori un opaco Callejon per Gabbiadini. Proprio il neo entrato colpisce a volo su un cross di Mertens ma un miracolo di De Sanctis evita il pari. Al 30′ entra Zapata al posto di uno spento Higuain. Al 33′ occasione per Gabbiadini che con un piattone cerca di far male alla Roma ma De Sanctis blocca. L’ultima mossa è Insigne che prende il posto di un vergognoso De Guzman. Dopo 4 minuti di recupero Rizzoli decreta la fine del match. Se hai giocatori che ti deludono in una partita del genere dopo vari passi falsi senza reazione è giusto non andare in Champions.

Luigi Iervolino