CONDIVIDI

La formazione salernitana, alle prese con varie assenze, si arrende ai padroni di casa dell’Item Nuoto per 19-11

piscina catania

La Tgroup Arechi esce sconfitta dalla trasferta siciliana e si arrende ai padroni di cada dell’Item Nuoto Catania, che si aggiudica l’incontro della seconda giornata di ritorno del campionato di pallanuoto maschile di serie A2 (Girone Sud) per 19-11. Alle prese con varie assenze e reduce da una settimana particolare, caratterizzata dalle pesanti decisioni del giudice sportivo, la formazione del presidente De Rosa parte bene ed affronta con lo spirito giusto la parte iniziale dell’incontro, salvo poi lasciarsi raggiungere e superare dai padroni di casa. Il primo tempo si rivela equilibrato, nonostante la differenza di valori in vasca: la Tgroup passa per prima in vantaggio fino a condurre per 3-0. La reazione dell’Item Nuoto Catania non si fa attendere: il sette di casa recupera ed il primo parziale finisce in parità, 5-5. Successivamente, complici alcuni errori difensivi, del sette salernitano, Catania riesce a passare in vantaggio e a legittimarlo poco dopo. I siciliani riescono a sfruttare il momento positivo e a distaccare gli avversari, aggiudicandosi sia il secondo parziale (4-1) sia il terzo periodo di gioco (5-1). Nell’ultimo quarto per la Tgroup Arechi è impossibile recuperare. L’Item Catania si aggiudica il parziale (5-4) e l’incontro per 19-11.

nicola e walter fasano

«Siamo partiti bene, ci siamo difesi in maniera ordinata – spiega Walter Fasano, allenatore in seconda degli scudocrociati e che ha guidato la squadra, a causa della squalifica del tecnico Citro- ; ma non è possibile pensare di fare risultato quando poi concedi troppo ad una squadra esperta, costruita per vincere il campionato». Fasano ha guidato la squadra in panchina, a causa della squalifica del tecnico Matteo Citro. A bordo vasca, si è registrato anche l’esordio in serie A del dirigente accompagnatore Nicola Fasano (che con le giovanili ha partecipato a tre finali dell’Haba Waba, vincendone due). Nel corso della sfida a Catania, la squadra ha avuto un discreto rendimento in attacco: «Considerando che abbiamo anche sprecato un rigore e qualche buona occasione da gol – continua Fasano -, possiamo ritenerci soddisfatti della fase offensiva, soprattutto alla luce della settimana particolare vissuta dalla squadra». «Il campionato è ancora lungo e c’è da lavorare molto, perché anche le altre hanno dimostrato di esserci, sfiorando risultati importanti in questa giornata» – conclude il tecnico. La prossima settimana la Tgroup Arechi dovrà confrontarsi con il Telimar Palermo su campo neutro.

 

Tabellino

Item Nuoto Catania – Tgroup Arechi 19-11 (parziali 5-5; 4-1; 5-1; 5-4).

 

Item Nuoto Catania: Spampinato, Torrisi, Riccioli, Basile, Sparacino 1, Spampinato M. 1, Torrisi G. 5, Casasola 3, Kacar 4, Privitera 4, Beltrame, Torrisi C. 1, Pellegrino. All. Dato.

 

Tgroup Arechi: Palermo, Del Basso 2, Sicignano, Sanges, Baviera 1, Simonetti 2, Barberisi, Maccioni 1, D’Angelo 1, Spatuzzo, Markovic 4, Busà. All. Fasano.

 

Arbitri: Boccia e Luciani.

 

Note: uscito per limite falli Riccioli (Nuoto Catania); espulso nel quarto tempo per proteste Simonetti (Tgroup Arechi); superiorità numeriche Catania 5/7, Arechi 5/13+1 rigore.

Spettatori 400 circa.

 

 

Ufficio stampa

Tgroup Arechi