CONDIVIDI

1-CHIEVO-NAPOLI-BENITEZ-FOTOCUOMO-11

 

Il tecnico azzurro: successo meritato ma dovevamo chiudere prima la gara. Avanti così e vediamo dove si può arrivare

 “Un successo importante perchè è il terzo consecutivo e ci dà ancora maggiore fiducia”. Rafa Benitez taglia al Bentegodi un altro traguardo stagionale: la terza vittoria di fila che quest’anno non era ancora arrivata. Napoli che marcia spedito, consolida il terzo posto e accorcia dal secondo. Il tecnico azzurro sente l’importanza della giornata e analizza la gara con soddisfazione:

 “Questa sfida era difficile, lo sapevamo. Il campo di Verona è sempre duro per noi, la squadra ha dimostrato di stare bene ed abbiamo lavorato tantissimo in settimana sui movimenti giusti per cercare di prendere i tre punti”.

 “Sicuramente sono contento della gestione della partita e anche della reazione importante dopo il pareggio, però quando siamo andati avanti 2-1 meritatamente, dopo dovevamo chiudere il match perchè di occasioni ne abbiamo avute. Ma ripeto che vincere qui non era facile”.

 “Chiaramente la terza vittoria di fila fa crescere consapevolezza e fiducia alla squadra. Io dico che possiamo e dobbiamo ancora migliorare giocando un calcio offensivo ma anche di maggiore controllo quando abbiamo noi la palla. Possiamo farlo, il cammino è ancora lungo e dobbiamo proseguire concentrandosi gara dopo gara”.

 “Da questo successo mi aspetto che i ragazzi abbiano ancora più energia per dare sempre il massimo a cominciare da mercoledì in Coppa Italia con l’Inter. Bisogna ragionare uno step alla volta, questo significa avere ambizione, essere sempre proiettati sulla partita che arriva per prima. Andiamo avanti così come stiamo facendo e vediamo dove si può arrivare”.

 Sulle scelte iniziali di formazione Benitez spiega: “Da oggi in poi cominciano ad intrecciarsi vari impegni. Questa settimana c’erano tre partite da giocare, bisogna amministrare le forze e dare agli uomini della rosa la possibilità di esprimersi.Ho fatto ruotare Jorginho e Gargano a centrocampo, mentre in attacco credo che Gabbiadini e Mertens abbiano dato il loro importante apporto, anche perchè si tratta di due calciatori di grande valore”.

 “Bisogna capire che se si vuole competere con squadre con rose più ampie, bisogna per forza rischiare qualcosa e imporsi delle alternative per trarre da tuti il massimo. I calciatori devono essere tutti preparati in qualsiasi momento. Ognuno avrà il suo spazio perchè come ho già detto: non si può nuotare per arrivare morti alla spiaggia”.

 Sul gol di Gabbiadini: “Manolo è un talento giovane che ha tanto da dare e può crescere moltissimo. Tra l’altro può giocare in più posizioni sul fronte d’attacco e questo ci dà maggiori opzioni di manovra. Per noi è importante avere Gabbiadini ed altri uomini di qualità in attacco perchè possono fare la differenza da un momento all’altro, così come è successo oggi con il gol di Manolo”.

 Decisivi oggi nell’azione da gol i due nuovi acquisti: assist di Strinic e girata di Gabbiadini: “Lo avevamo detto che la rosa ne usciva rinforzata dal mercato di gennaio. Strinic e Gabbiadini erano due nostri obiettivi, oggi sono stati decisivi e questo avvalora ancor di più il lavoro della Società, di Riccardo Bigon e del suo staff”.

Fonte : S.S.C. Napoli