CONDIVIDI

Presidente Sergio Di Meo

Doveva essere la partita del prossimo 31 gennaio al PalaJacazzi a stabilire chi sarà tra Exton Volleyball Aversa e Fresco il Gelato Lagonegro la squadra che si aggiudicherà la qualificazione alla Final Four di Coppa Italia di serie B1 maschile di pallavolo e così sarà. La squadra di coach Draganov, infatti, esce sconfitta a tie – break 3-2 (15-25; 25-17; 18-25; 25-21; 15-10) da gara tre ed ora dovrà necessariamente vincere l’ultimo match a disposizione alla fine di questo mese per poi lasciare che sia la classifica del girone C di campionato, che in questo momento vede gli aversani meglio posizionati, a decidere chi sarà la qualificata. In ogni caso resta il rammarico per una gara che si era messa bene per Di Santi e compagni che interpretano il primo set alla grande mettendo da subito in difficoltà i lucani che al primo time – out tecnico sono sotto 2-8 con un ace di Rispoli. La squadra del presidente Di Meo da lezioni di gioco con Antonio Libraro che ferisce di seconda (4-10) e con uno Scialò in forma strepitosa che aumenta il distacco a più sette con il block out del 6-13 e poi sigla il punto del 7-16 per il secondo tecnico. Il gioco della Exton Volleyball Aversa mette in evidente difficoltà gli avversari che sbagliano anche nel finale con il servizio out di Valla (15-25) che da il primo set ai normanni. In vantaggio, i normanni dovrebbero trovare la spinta. Ed, invece, si lasciano andare non all’avversario ma a se stessi ed in breve vanno sotto 8-4. Il secondo set si mette storto e poco si può fare. Il Fresco il Gelato Lagonegro approfitta di una battuta out di Giacobelli e si porta sull’1-1. E qui arriva la reazione che ti aspetti dalla squadra che due settimane fa in campionato ha battuto la prima in classifica. La Exton Aversa ritorna sugli scudi e gioca lucidamente. Su 2-4 Giacobelli segue il movimento dei lucani ed aspetta Salomone sotto rete per bloccarlo a muro. Gli avversari si vedono “scontati” e sbagliano, prima con una doppia di Parisi e poi con un out di Valla che vale il 3-8. Cinque distanze di distacco sono tante. I normanni viaggiano sulle ali di un terzo set giocato come il primo e macinano punti, molti dei quali bellissimi come l’8-15 messo a terra da Antonio Libraro con una schiacciata di seconda. Il sestetto del presidente Di Meo è al sicuro e sale ancora nel finale chiuso da un muro di Giacobelli che sbarra la strada a Valla (18-25). Tutto va per il meglio. Ma la squadra di Draganov inizia ad accusare stanchezza e la lucidità scema. Di errori Di Santi e compagni ne commettono tanti al punto da indurre il tecnico bulgaro a stravolgere la squadra nel quarto set facendo entrare, sul 13-6 di Toma, tutta la panchina fatta eccezione per Lombardi. Sul 19-11 sembra che la squadra di Bosco abbia preso il Largo ma il capitano, Di Giorgio e Saccone si rifanno sotto sul 19-15. Le distanze si riducono ancora con una float di Falanga che vale l’ace del 23-20. A realizzare i punti finali, però, sono i padroni di casa che sfruttano al meglio un block out di Valla e vanno sul 2 pari rimandando tutto ad un tie-break che inizia con una serie di errori, soprattutto in battuta, che fanno prendere il largo ai lucani sul 5-3. Il direttore di gara sanziona le proteste di Antonio Libraro con un rosso che da ancora un punto al Lagonegro (6-3). La stessa sanzione arriva sul 12-7 con la Exton Volleyball Aversa che va a meno quattro cercando di reagire ma realizzando solo due punti. A vincere è il Fresco il Gelato Lagonegro che va sul 2-1 alla terza di quattro sfide di questa seconda fase di Coppa Italia di serie B1 maschile di pallavolo. A decidere tutto l’ultima delle quattro partite il prossimo 31 gennaio al PalaJacazzi: «Sapevamo che quella di fine mese – dice il presidente Sergio Di Meo – sarebbe stata la gara decisiva di questa nuova formula di Coppa Italia che lascia tutto in bilico fino alla fine e così sarà, davanti al nostro pubblico del PalaJacazzi proprio come lo scorso anno. Arrivarci dopo un successo a Lagonegro ci avrebbe dato un vantaggio nell’aver vinto due delle tre gare necessarie per la qualificazione, e naturalmente siamo dispiaciuti per essere incappati in una sconfitta, ma non c’è nulla di compromesso. Dobbiamo continuare per la nostra strada come sappiamo fare e credere fortemente, come da sempre, nel raggiungimento dell’obiettivo che dipende solo da noi stessi e da quella grande voglia che tutti abbiamo nel voler regalare alla città di Aversa ed a tutti i nostri tifosi una qualificazione alla Final Four che porterebbe grande lustro a tutti». «Incappare in una sconfitta può accadere – prosegue il massimo dirigente della Exton Volleyball Aversa – soprattutto quando si viene da uno stop dovuto alle festività natalizie, durante le quali la squadra si è allenata, però, regolarmente, e si incontra un avversario ostico come quello lucano in un match altrettanto difficile. Bisogna ripartire da dove ci eravamo lasciati in campionato, dopo la vittoria con il Civita Castellana e rimetterci in cammino per raggiungere i nostri obiettivi». Nel week end che sta per arrivare, Di Santi e compagni osserveranno un turno di riposo in campionato che da appuntamento a tutti gli appassionati per il prossimo 17 gennaio, al PalaJacazzi, contro il Gruppo Vena Cosenza: «Campionato e Coppa Italia – conclude il presidente Di Meo – andranno ora di pari passo. Star davanti al Lagonegro in campionato ci consentirebbe, in caso di vittoria in gara 4 di Coppa, di qualificarci alla Final Four. Questo, però, non deve significare sentire pressione nel dover raggiungere ad ogni costo l’obiettivo ma giocare come la Exton Aversa sa fare, badando soltanto a se stessa e cercando nel pubblico, al quale chiedo di esserci particolarmente vicino, la forza per poterci regalare tutti nuove sfide e nuove gioie».

VOLLEYBALL AVERSA, COMUNICATO STAMPA

Annamaria Iodice

Giornalista pubblicista e comunicatrice