CONDIVIDI

Il tecnico azzurro a Radio Kiss Kiss: Napoli e’ la scelta giusta, il San Paolo sara’ la nostra forza

 rafa benitez

 “Finora il mio bilancio è esaltante”. Rafa Benitez a tutto tondo analizza la prima parte di stagione del Napoli ai microfoni di Radio Kiss Kiss. E le valutazioni del tecnico azzurro sono più che lusinghiere.

“Il mio giudizio è molto positivo, giochiamo la Champions e siamo ai vertici del campionato e quindi siamo molto soddisfatti. Chiaramente non è un campionato facile, la Roma ha fatto sinora cose spettacolari, la Juve sta facendo benissimo, viaggiano tutti forti e noi siamo lì.a lottare tra le prime. Questo ci dà fiducia e certezze per il futuro”.

 C’è qualche partita che rigiocherebbe? “Il campionato italiano è difficile, tutte le squadre sono ben organizzate e non è facile gestire tutte le gare. Può darsi abbiamo perso qualcosa in qualche partite e guadagnato in altre. Con Roma e Juve, per esempio, hanno deciso anche episodi. Abbiamo analizzato il tutto, sappiamo che siamo al 75 per cento e sappiamo che abbiamo margini di miglioramento”.

Che analisi ha fatto del match di Torino? “Parliamo della squadra più forte del campionato come rosa da anni. Non è facile certo andare a comandare il gioco in casa della Juve, però due-tre palle gol le abbiamo avute. Non dimentichiamo la realtà. Noi siamo una squadra per il primo anno insieme, con un allenatore nuovo, modulo nuovo, calciatori che sono arrivati da dimensioni diverse ed abbiamo avuto tre infortunati che stavano giocando titolari. Zuniga, per esempio, che può fare le due fasce ed è stato un giocatore importante in questi anni, noi non lo abbiamo quasi mai avuto e adesso è infortunato. Bisogna essere attenti a tutti questi aspetti e noi lavoreremo per migliorarci sempre”.

“Spesso sento parlare di approccio alla gara o di modulo. Siamo la squadra che ha fatto più gol nei primi 15 minuti, il che significa che l’approccio è buono. Poi ci sono partite particolari in cui incidono anche gli eventi. E ripeto che sul modulo non c’è una regola fissa, se c’è da cambiare si cambia. Ho avuto tanta esperienza in carriera per questo dico una squadra per essere forte deve capire sempre cosa fare in ogni partita, sia possesso palla che contropiede. L’importante è avere una idea di gioco ed una precisa identità”.

Alla ripresa ci sarà il Parma e poi un match che potrebbe essere decisivo per la Champions…”Io dico che tutti avrebbero firmato per avere 9 punti nelle prime 4 partite del Girone di Champions. Adesso che li abbiamo conquistati cercheremo di fare punti anche a Dortmund. Per farlo dovremo crescere ancora e cercheremo di fare il massimo col tempo giusto”

Su Hamsik ed Higuain…”Marek ha segnato 6 gol e dico che arriverà ai 15 che gli avevo pronosticato io. E’ un giocatore che ascolta, che lavora per migliorarsi sempre, ha grande dedizione e sono tranquillissimo del suo rendimento. Sono sicuro che col tempo farà ancora più gol e più assist. Gonzalo è un giocatore di grande qualità e noi dobbiamo fare in modo di arrivare con la palla vicino a lui perché Higuain fa la differenza”

Che giocatore è Reveillere e poi ci saranno nuovi innesti a gennaio? “Quando Mesto si è infortunato, Riccardo Bigon ha subito cercato insieme agli osservatori un uomo che potesse fare il caso nostro e lo abbiamo individuato in Reveillere. E’ piaciuto a tutti la sua mentalità, il suo modo di lavorare e la sua disponibilità. Può darci una mano importante. De Laurentiis è sempre disponibile e vicino alla squadra. Se a gennaio troveremo giocatori giusti per la squadra cercheremo di prenderli ed il Presidente sarà disponibile ad investire certamente”

Perchè ha scelto Napoli? “L’ho scelta in poco tempo. Parlai prima cin Bigon al telefono, poi arrivò il Presidente con il suo staff a Londra e capii subito dopo aver parlato con lui che Napoli è la scelta giusta per me. Una Società che dalla Serie C1 arriva in poco tempo in Serie A con un bilancio solido è garanzia di forza. E poi c’è una città ed un ambiente fantastico”.

“Abito a Castelvolturno perché per me è più facile concentrarmi sul lavoro, però appena posso vado a Napoli e mi godo la bellezza della città. Il passato spagnolo a Napoli conta perché capisco molte parole di origine spagnola. Qui c’è arte grandi monumenti e bellezze naturali. Quello che dobbiamo fare è esportare la bellezza di Napoli anche all’estero per far capire a tutti che è una città da visitare”.

Infine le parole di Rafa direttamente ai tifosi del Napoli: “Ai tifosi dico di avere memoria e di guardare avanti. E’ importantissimo per noi il calore del San Paolo e la passione dei nostri sostenitori. Dobbiamo essere forti quando le cose non vanno bene, non solo quando vanno bene. Al ritorno avremo molti big match in casa e noi sappiamo quanto è importante la spinta del nostro stadio. Io sono molto positivo ed i tifosi devono essere al nostro fianco. La squadra è compatta, ha fiducia e io dico che col tempo saremo sempre più forti”.

 

Fonte: S.S.C.NAPOLI