CONDIVIDI

image

A Castelvolturno , presso il centro sportivo del Calcio Napoli si è svolta questa mattina la conferenza stampa di rafa Benitez alla vigilia della sfida casalinga contro il Chievo Verona al San paolo, valida per la seconda giornata del campionato di serie A.

Un Rafa Benitez determinato che ha caricato tutto l’ambiente azzurro in una conferenza ricca di spunti e considerazioni che fanno comprendere bene il momento attuale del Napoli e soprattutto gli sviluppi futuri.

“Abbiamo un gruppo competitivo, tutti insieme possiamo vincere, con il Presidente lavoriamo per un gran futuro”

Chiede unione di intenti il tecnico del Napoli, non solo alla società e alla squadra ma a tutto l’ambiente partenopeo, compresi alcuni giornalisti che spesso tendono a destabilizzare la situazione e a creare polemiche e voci che fanno male alla squadra. Chiede compattezza Don Rafa, partendo da una convinzione: “Questo Napoli è più forte ed equlibrato dello scorso anno. Bisogna essere tutti uniti per vincere. Con De Laurentiis stiamo programmando un futuro di crescita. Squadra, ambiente e tifosi devono essere spalla a spalla per portare in alto la bandiera azzurra”.

Il tecnico spagnolo parte rispondendo anche alle voci che hanno fatto seguito alla sua assenza dovuta a un viaggio in Inghilterra durato alcuni giorni:

image

“Ho saputo che qualcuno si è meravigliato della mia assenza. Devo dire che se hai una famiglia lontana e non la vedi per un’intera estate è giusto passare qualche giorno lì. Ma in realtà la mia non è stata un’assenza, innanzitutto perché parlo con i miei giocatori ogni giorno anche a distanza e poi perché un capitano deve avere un grande staff ed io ho massima fiducia nei miei collaboratori. Nei momenti delicati io sono sempre stato qui e lo sarò ancora. Lavoro sedici ore al giorno e lo faccio per questa squadra e questa città”.

Successivamente passa al rapporto con il Presidente De Laurentiis,con il quale ha avuto un dialogo nei giorni scorsi, e al possibile prolungamento del contratto:

“Ho un buon rapporto con il Presidente, e questo lo voglio sottolineare perché sento ogni tanto qualche voce che parla di un Benitez arrabbiato e chiacchiere false. De Laurentiis è un uomo che sta facendo tanto per il Napoli. Ieri abbiamo parlato molto del futuro e della Supercoppa. Noi lavoriamo ad una programmazione importante. Quando De Laurentiis tornerà dagli Stati Uniti discuteremo anche del contratto e di dove saremo giunti con la crescita. Adesso però pensiamo solo al presente e siamo concentrati al centodieci per cento sulla partita di domani”.

Intanto si gode la sua squadra, che dopo il tanto criticato mercato, restituisce un Napoli comunque più forte di quello di qualche mese fa, come sottolinea il tecnico spagnolo:

“Sì, ne sono certo. Io dico che la squadra è più equilibrata e più competitiva dell’anno scorso. Per me il nostro mercato è stato perfetto seguendo le nostre regole ed il fair play finanziario. Il Presidente sta facendo un gran lavoro ed abbiamo preso i calciatori di cui abbiamo bisogno nei ruoli specifici. I calciatori che sono andati via non hanno giocato le partite più importanti dell’anno scorso come quella con la Roma e la Juve al San Paolo. Questo significa che erano uomini in panchina che quest’anno abbiamo sostituito con calciatori che ci danno maggiore qualità ed equilibrio. Vedere Michu, Mertens e De Guzman entrare nel finale a Genova e dare tanta spinta significa che i nuovi innesti sono importanti. Cercavamo un centrocampista difensivo che potesse fare da raccordo tra i reparti e non era facile trovarlo. Abbiamo preso David Lopez che ha caratteristiche che ci servono in quella zona del campo e vi dico che Gargano, che aveva offerte dall’estero, ha parlato con me, gli ho detto cosa volevo da lui ed ha voluto rimanere con noi per dare il massimo così come ha fatto con l’Athletic Bilbao. Inoltre abbiamo De Guzman che può darci qualità e velocità nella manovra. Ci sono più soluzioni anche in attacco e questo è un passo in avanti. L’anno scorso con 78 punti e 104 gol abbiamo stabilito un record e adesso dovremmo confermare e migliorare ciò che abbiamo fatto”.

Una squadra che può solo migliorare, attraverso il lavoro e attraverso la compattezza, cercando sempre l’unione di intenti da parte di tutti, per compiere finalmente un salto di qualità che tutti si aspettano:

“Devo dire che tutti dobbiamo fare il salto di qualità, voi giornalisti, tifosi e squadra. Se siamo tutti insieme, spalla a spalla non dobbiamo avere paura di nessuno e neppure timore di parlare di scudetto.Tutti vogliono il meglio per il Napoli. I tifosi ed i giornalisti sono competenti importanti per puntare alla vittoria. Non vogliamo perdere energia, il gruppo è unito, restiamo tutti vicini per dare il massimo. Noi crediamo in questa squadra, sappiamo che qualche Club ci è superiore come fatturato, ma noi crediamo nelle nostre potenzialità”.

Intanto si guarda alla gara di domani contro il Chievo al San Paolo che è pronto a riabbracciare gli azzurri tra le proprie mura in campionato:

“Io so che i tifosi napoletani sono intelligenti ed anche i giocatori che vengono dalla Campania sono i più forti perché qui c’è calcio di strada fatto con passione e sentimento. Io dico che il futuro del Napoli è nell’unione tra città, giornalisti e tifosi. Se abbiamo una sola voce unita possiamo arrivare lontano. Napoli deve diventare più forte, tutti insieme possiamo farlo. A Genova ho visto grande reazione della squadra e mi aspetto un’altra prestazione di alto livello domani contro un avversario forte. Per vincere dovremo dare il massimo, tutti insieme, spalla a spalla. Dobbiamo seguire una sola bandiera, quella del Napoli”.

Una conferenza ricca di spunti quella del tecnico spagnolo che dopo ‘appello di oggi, è pronto a dimostrare sul campo il valore e la forza del suo Napoli, e domani pomeriggio, al San Paolo tutti si attendono già una grande risposta.

Da Castelvolturno, per il Mediano Sport, Roberto Sica