CONDIVIDI

girone i

Lo Slovan Bratislava è la squadra di Marek Hamsik,cresciuto proprio nelle giovanili della compagine slovacca. Poche apparizioni prima di approdare in Italia, al Brescia. Lo Slovan è il club di quarta fascia inserito nel medesimo girone del Napoli. Slovan-Bratislava-Napoli è la seconda gara in calendario, prevista per il 2 ottobre alle ore 19. Il ritorno al San Paolo chiuderà invece la fase a gironi l’11 dicembre alle ore 21:05.

LA STORIA – Fondato nel 1919, lo Slovan Bratislava è il club con maggior prestigio e tradizione nel proprio Paese. Nel suo albo d’oro annoveriamo otto titoli del campionato Cecoslovacco, otto titoli di SuperLiga ed addirittura una Coppa delle Coppe nella stagione del 1968/1969. Dopo la vittoria del campionato, lo Slovan ha partecipato ai preliminari di Champions League con esito negativo: infatti è stato eliminato dal Bate Borisov. Pareggio per 1-1 in casa e netta sconfitta in Bielorussia per 3-0.

slovan

LA SQUADRA – L’allenatore della compagine slovacca è František Straka, 56 anni,alla guida dello Slovan Bratislava dal luglio del 2014. Il modulo adottato dal tecnico è un finto 4-2-3-1 che negli interpreti si trasforma il più delle volte in un 4-5-1. Il valore della rosa è assai modesto. Spicca l’età media avanzata del reparto offensivo, composto da calciatori come il classe ’82 Ròbert Vittek e i classe ’83 Pavel Fořt e Juraj Halenár. In difesa il registro cambia. L’esempio lampante è il classe ’94 Branislav Ninaj: considerato da molti operatori di mercato un vero e proprio talento. Pochi stranieri in squadra come l’argentino Goristo, centrale di difesa,e il trequartista della Guinea, Soumah.

vittek

LA STELLA – Dell’undici tipo solitamente schierato da Straka, la punta di diamante è Róbert Vittek, attaccante slovacco,classe 1982, è dotato di un ottimo fiuto del gol. Il calciatore è noto per le esperienze in Germania con la maglia del Norimberga e in Francia con quella del Lille. Compagno di Marek Hamsik in Nazionale detiene il record di marcature con la Slovacchia con 23 reti in 80 presenze. Nell’ultima stagione, culimnnata con la vittoria del campionato, ha segnato 12 reti in 17 apparizioni.

stadio slovan

LO STADIO – La dimora storica dello Slovan è il Tehelné pole, impianto inaugurato nel lontano 1940. Nel 2009 il governo slovacco ha deciso di demolirlo per costruire un nuovo stadio. Dal 2012, in virtù dei lavori, casa dello Slovan è lo stadio Pasienky, struttura polifunzionale da 11.907 posti a sedere. E’ utilizzato anche per ospitare le gare interne dell’Inter Bratislava.

Francesco Carbone