CONDIVIDI

Napoli-Psg 1-2

Napoli psg

Prima sconfitta nelle amichevoli estive per il Napoli. Al San Paolo va di scena l’amichevole di lusso contro il Paris Saint Germain degli ex Lavezzi e Cavani. Per il trofeo Acqua Lete Cup, ultima amichevole al San Paolo prima dei preliminari di Champions League contro l’Atletico Bilbao.

Grande attesa allo stadio di Fuorigrotta dove circa 50mila spettatori attendono gli azzurri e sono pronti a salutare gli ex fuoriclasse azzurri Lavezzi e Cavani, che per anni hanno infiammato in tifosi azzurri regalando grandi emozioni e ricordi incancellabili, compresa la coppa Italia nel 2012. Dopo due anni tornano al San Paolo da avversari: grande accoglienza per il Pocho Lavezzi, meno per Cavani, fischiato dal pubblico del San Paolo dopo aver lasciato l’amaro in bocca con l’addio nella passata stagione. Con L’uruguaiano sono addirittura scintille: il pubblico lo fischia e lui risponde con gesti che infastidiscono i tifosi partenopei che fischiano in continuazione l’attaccante della squadra di Laurent Blanc.

In campo per il Napoli ulteriore test per valutare lo stato di forma della squadra a pochi giorno dall’inizio della stagione.

Ecco la formazione mandata in campo dal tecnico spagnolo e dall’ex azzurro Laurent Blanc:

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Koulibaly, Albiol, Britos; Jorginho, Gargano; Callejon, Hamsik, Insigne; Zapata.

A disposizione: Colombo, Andujar, Henrique, Mesto, Zuniga, Fernandez, Ghoulam, Inler, Radosevic, Dzemaili, Pandev, Vargas, Michu, Higuain, Mertens.

All. Benitez.

Psg (4-3-3): Sirigu; Aurier, David Luiz, Thiago Silva, Maxwell; Chantome, Cabaye, Matuidi; Ongenda, Cavani, Lavezzi.

A disposizione: Douchez, Van der Wiel, Marquinhos, Verratti, Digne, Camara, Thiago Motta, Ibrahimovic, Lucas, Bahebeck, Pastore.

All. Blanc

Il Napoli parte con Higuain in panchina. In difesa confermata la coppia Koulibaly-Albiol. A centrocampo ancora spazio alla coppia Jorginho e Gargano. In attacco Zapata a guidare l’attacco azzurro supportato da Hamsik, Insigne e Callejon.

Nel Psg in attacco partono titolari i due ex azzurri. Panchina per Ibrahimovic.

Buon avvio degli ospiti che passano in vantaggio con Cavani all’8 ma la rete non viene convalidata dall’arbitro.

Il Napoli reagisce bene. La squadra di Benitez si difende bene con Koulibaly ed é pronto a ripartire, e al 22′ dopo una bella azione di Insigne prova a sbloccare il risultato, ma Sirigu é attenti e blocca in due tempi le conclusioni del piccolo attaccante azzurro.
Nel finale di tempo sale in cattedra Marek Hamsik e per ben due volte mette in ansia la retroguardia francese, prima con un tiro potente deviato da David Luiz al 39′ e poi ancora al 43′ con un gran tiro da fuori, respinto ancora dall’ex portiere del Palermo.

Si chiude così il primo tempo tra i fischi assordanti per l’ex Cavani che nella ripresa lascia il posto a Zlaptan Hibraimovic.

Nel secondo tempo Benitez o per ben cinque cambi: fuori Zapata, Koulibaly, Gargano, Callejon e Jorginho e spazio a Higuain, Ghoulam, Michu, Mertens e Inler,

Passano pochi minuti e la partita si sblocca: al 6′ Higuain lancia in area Insigne, il nazionale azzurro prova la conclusione trovando la respinta del neo entrato Douchez, ma arriva di corsa Il Pipita Higuain lesto a ribadire in rete insaccando il gol dell’1-0.

Al 9′ pronta risposta del Psg con il pareggio firmato da Zlatan Ibrahimovic che insacca dopo una corta respinta di Rafael.

Emozioni al San Paolo all’uscita dal campo del Pocho Lavezzi. Standing ovation per l’argentino ex pupillo di Fuorigrotta che esce tra gli applausi lasciando spazio a Lucas.

Dopo una serie di cambi la partita non perde di intensità e a metà ripresa il Psg affonda il colpo vincente con una giocata da fuoriclasse di Pastore, che conquista palla a centrocampo, e dopo aver superato come birilli prima Inler e poi Britos batte Handujar firmando il 2-1 finale che chiude la partita.

Per il Napoli prima sconfitta della nuova stagione che chiude il ciclo delle amichevoli estive. La squadra di Benitez, che questa sera ha consegnato la lista Champions per i preliminari, farà tesoro di questo test, nonostante la sconfitta per preparare al meglio la doppia sfida con gli spagnoli dell’Atletico Bilbao. Il Psg porta a casa il trofeo Acqua Lete pronto a rituffarsi nel campionato francese.

Per il Napoli c’è ancora da lavorare in attesa del doppio confronto per l’accesso in Champions League e in attesa dei colpi di mercato che si attende Rafa Benitez, ma soprattutto i tifosi napoletani che sognano ancora una grande stagione.

Roberto Sica