CONDIVIDI

benitez-napoli-felice-745x483

Sarà una Serie A ricca di emozioni ed incerta fino alle ultime giornate quella che sta per iniziare.

Anche se nel campionato, prima o poi, bisognerà affrontare tutte le squadre che vi partecipano, si può tranquillamente parlare di sorteggio piuttosto benevolo per il Napoli.

Durante le prime dieci giornate (fatta eccezione per la settima, contro l’Inter), la squadra partenopea sarà infatti alle prese contro delle avversarie “abbordabili”; anche se è altrettanto doveroso sottolineare quanto possa essere erronea la certezza di un determinato risultato nel calcio moderno prima che sia il campo a decretarne l’esito.

Stando ai risultati delle ultime stagioni, sarà invece corretto definire un “finale di fuoco” quello che attende gli azzurri. Gli uomini di Benìtez, infatti, nelle ultime sei giornate avranno contro:

– Empoli (33sima giornata, fuori casa, potenzialmente in lotta per la salvezza).
– MILAN (34sima giornata, in casa, potenzialmente in lotta per un piazzamento in Champions League).
– Parma (35sima giornata, fuori casa, potenzialmente in lotta per un piazzamento in Europa League).
– CESENA (36sima giornata, in casa, potenzialmente in lotta per la salvezza).
– Juventus (37sima giornata, fuori casa, potenzialmente in lotta per lo scudetto).
– LAZIO  (38sima giornata, in casa, potenzialmente in lotta per un piazzamento in Europa League).

Sarà, in definitiva, importantissimo per il Napoli tenere alta la concentrazione nel finale di stagione, proprio quando i partenopei saranno coinvolti nelle cosiddette “partite da sei punti”; dove una vittoria o un pareggio sarebbero sinonimo di trovare quella “marcia in più” rispetto ad una concorrente diretta (la vittoria a Torino contro la Juventus, causerebbe la sconfitta di una concorrente diretta per lo scudetto e, al contempo, potrebbe favorire il Napoli in vista della classifica avulsa, sempre a seconda della situazione di punti/differenza reti dell’andata).

Altri fattori da tenere in conto saranno gli impegni di Coppa Italia e Champions League; così come la stessa Coppa d’Africa, che priverà le squadre di Serie A dei propri giocatori (convocati) dall’inizio di gennaio fino alla metà di febbraio.

Davide Schepis