CONDIVIDI

Benitez dimaro

Si é svolta questa mattina, presso il Teatro di Dimaro, la conferenza stampa di Rafa Benitez per la chiusura del ritiro in Val di Sole.

Ecco quanto dichiarato dal tecnico spagnolo che ha fatto un bilancio di questo ritiro a Dimaro : “Da due anni che vengo qui, mi è piaciuto da subito l’organizzazione che c’è qui, i tifosi e come abbiamo lavorato, sono contento di come hanno lavorato Gargano e Vargas, e sono contento di Michu che ha avuto modo di allenarsi per recuperare la condizione fisica”.

CASO CALLEJON E BEHRAMI: “Non bisogna esagerare, io ho deciso di non farli giocare per dare spazio a chi non ha avuto possibilità di giocare prima perché devo valutare anche gli altri, ho parlato con loro, tutto il caso che avete creato non è un caso, ho detto io che doveva posare la pettorina per fare ciò che io gli chiedo. Su Callejon nessun caso è un bravo ragazzo è un nostro giocatore e non è in vendita, ho portato io Callejon qui a Napoli ed ho un rapporto stupendo con lui”.

MERCATO: “Il mercato è lungo e manca ancora un mese alla fine, abbiamo tanti nomi, ma ora sto lavorando con la squadra, abbiamo giocatori validi, sto parlando sempre con Bigon che sta facendo il suo lavoro. La rosa è forte ma possiamo essere ancora più forti dello scorso anno, se Maggio-Zuniga-Mesto e Hamsik giocano senza avere problemi e giocano al 100%, poi con Koulibaly-Michu e Andjuar siamo più forti. Se possiamo rinforzarla durante il mercato saremo ancora più forti”.

PROVE DI PRELIMINARI: “Abbiamo provato il centrocampo, ho fatto girare Inler-Jorginho-Gargano, ai prossimi appuntamenti avranno più minuti di allenamenti nelle gambe e vedremo”.

MICHU: “Ha giocato da mezz’ala e da centrocampista, poi in Inghilterra ha giocato come prima punta e come mezza punta, è un giocatore di grande intelligenza tattica e grandi capacità tecniche. Sono contento”.

KOULIBALY: “Mi ha sorpreso, ti ascolta e si è integrato bene, capisce la lingua, se sbaglia impara subito la volta dopo e non sbaglia più, le qualità fisiche-tecniche sono indiscutibili, con il tempo migliorerà sempre di più”.

DE LAURENTIIS: “Mi ha chiesto del calendario, abbiamo parlato un po’ della partita, non parliamo di mercato in campo, parliamo altrove di mercato”.

NUMERI DI GIOCATORI: “Abbiamo bisogno di almeno 25 giocatori compreso i portieri, e nel caso potremo integrare qualche ragazzo della primavera se avremo bisogno”.

SACRIFICIO DEL CREDO TATTICO: “Se vinciamo 1-0 a me sta bene, ma sarei più felice di vincere giocando il mio calcio facendo ogni partita quattro o cinque a zero e vincere sempre, ma ovvio che dobbiamo essere più equilibrati per vincere in campionato. Essere forti in attacco ma soprattutto in difesa”.

ZUNIGA: “Devo parlare con il calciatore per la posizione in campo, è difficile perché lui può giocare ovunque, per a destra alto o basso ha più possibilità di poter fare bene”.

PANDEV: “Grandissimo giocatore, il mercato è aperto può giocare come lo scorso anno, ci sarà anche Michu a fargli concorrenza, ma possiamo giocare anche con più attaccanti per noi non è un problema”.

IL SOGNO DI MERCATO: “Era Mascherano, ma adesso dobbiamo pensare a portare il giocatore che si adatta ai nostri parametri, giocatore che però sia forte e si senta forte nel Napoli come Mascherano”.

RAFAEL: “Parlo molto con Xavi Valero che li allena, e Rafael sta bene e non si vede che ha avuto un infortunio è pronto e sicuro, la sua mentalità lo favorisce ed ha fiducia in se stesso”.

HIGUAIN: “E’ pronto per il ritorno e pronto a lavorare e giocare per le prossime amichevoli con il Barcellona e PSG”.

I GIOVANI: “Luperto è rimasto con noi per il suo ruolo, perché serviva un difensore centrale, tutti hanno fatto bene, però eravamo ingolfati già nei ruoli e quindi sono ritornati da Saurini, ma vedremo durante l’anno chi uscirà fuori”.

Roberto Sica