CONDIVIDI
Benitez Castelvolturno
Benitez Castelvolturno
Benitez Castelvolturno

A Castel Volturno, la conferenza stampa di Rafa Benitez alla vigilia della delicata trasferta contro la Fiorentina, turno infrasettimanale valevole per la decima giornata del campionato di Serie A.  Per il Napoli un test importante contro la squadra di Montella, tra le protagoniste della stagione. Ecco quanto dichiarato dal tecnico del Napoli in conferenza stampa: Fiorentina, partita importante ma non decisiva…

“E’ una partita importante come tutte le altre. Noi siamo al vertice della classifica come loro. La Fiorentina è una squadra forte e questa é una partita da tre punti”.

Calcio italiano:

“Ho trovato il calcio italiano difficile perchè ci sono squadre di un certo livello. Il prossimo anno sarà diverso. Una squadra per avere equilibrio deve fare bene sia la fase difensiva che quella offensiva. Noi dobbiamo avere equilibrio, per me é importante trovarlo. Non bisogna fare solo possesso palla. Fino ad ora, il bilancio è positivo al 100%. Abbiamo vinto sette partite e abbiamo fatto bene sia in Champions che in campionato: la società è in crescita. Vediamo dove possiamo arrivare, ma tutto sembra positivo. Quando io allenavo in Inghilterra, si parlava di passione, qui invece si parla di cattiveria. La cattiveria per arrivare a queste partite e finirle nel migliore dei modi é importante. Dobbiamo farlo. Sono soddisfatto per il percorso sin qui positivo, ma dobbiamo sempre migliorare”.

Turno fitto di impegni…

“Saranno partite importanti. Quando siamo così vicini in classifica e si gioca la Champions, la questione è delicata, ma lo sarà anche in seguito. Il gioco della Fiorentina é basato sul palleggio.  Mertens é un professionista, un giocatore di qualità. Quando abbiamo deciso di comprarlo sapevamo che aveva la mentalità giusta. Noi proviamo a fare il bilancio dopo ogni partita e vediamo i giocatori come arrivano alla sfida e chi può essere giusto per una gara o un’altra. Se non gioca Callejon o Mertens, non so se giocheranno Hamsik, Duvan o Pandev”.

Gonalons :

“Oggi, la cosa più importante per me è la Fiorentina. Del mercato parliamo a gennaio”.

Cannavaro:

“Io non vedo nessuna crisi. Con Paolo parliamo di calcio. Per noi, lui é un giocatore importante che lavora sempre. Per me é un esempio lavora benissimo. Io lo valuto ad ogni allenamento e poi decido”.

Napoli Favorito? 

“Quanti rigori abbiamo avuto quest’anno? Due? Non credo che nelle altre otto partite siamo stati favoriti”.

Benitez tra i dieci migliori tecnici:

“Sono stato nominato nella lista dei migliori tecnici. Questa lista si deve fare per meriti ottenuti sia in campo che fuori. Per me, il migliore sarà Heynckes: una persona che ha vinto ed é un esempio per la gente. Il Barcellona ha il gioco più bello. Noi adesso abbiamo un buon possesso di palla, ma non é tutto. Si deve giocare di contrattacco, attraverso la ripartenza, ma si deve fare anche bene in tutto. La Fiorentina ha molti giocatori importanti”.

Higuain:  

“Con l’Argentina giocó una buona partita. E’ un calciatore velocissimo, ma ora ha perso qualcosa, e deve recuperare. E’ un giocatore intelligente che sa stare in campo e non ha bisogno del 100% per fare bene. É importante per noi”.

Lotta scudetto:

“All’inizio abbiamo detto che 4-5 squadre potevano lottare per il campionato. La Roma era una di queste e non é una sorpresa. Ora sono lì e se continuano di questo passo vincono di sicuro lo scudetto, ma anche l’Inter ha solo un impegno e può far bene. Ogni partita é difficile. Tutti siamo allo stesso livello. Chiaramente noi non facciamo marcatura a uomo. Facciamo attenzione a un giocatore o un’altro, ma non seguiamo tutti i giocatori”.

Fernandez:

“Sono contento con lui. Sta migliorando e deve continuare così. La competizione in squadra per me é importantissima. Sta lavorando bene e si impegna. Ora sono soddisfatto per lui, ma vorrei esserlo ancora di più”.

Inviato dalla conferenza stampa di Castel Volturno – Roberto Sica (ilmedianosport)