CONDIVIDI

SARNESE  1 – TARANTO  3

SARNO. Giovedì santo amaro per la Sarnese, che si fa superare in casa dal Taranto in uno “Squitieri” vestito a festa per l’occasione, con tanti tifosi sugli spalti sia granata che rossoblù. Una gara non bella a onor del vero, risolta a favore degli ospiti nel secondo tempo (dopo una prima frazione scialba) con un calcio di rigore e un espulsione che è caduta come un macigno sulla formazione di mister Vitter: dopo la rete su penalty, infatti, i tarantini hanno avuto la strada in discesa per la vittoria.

Logo Sarnese sarnese

Venendo alla cronaca del match, al 10’ c’è da appuntare il destro velleitario di Mignogna che si spegne tra i guantoni di Ruocco. Al 21’ va vicino al vantaggio Genchi la cui girata improvvisa di destro lambisce il montante. Passano due minuti e si registra il primo squillo di marca locale ad opera dell’ariete Maggio che, però, impatta debolmente la sfera con la testa. Al 25’ un esterno destro di Porcino non inquadra lo specchio per questione di centimetri. Al 37′ Mignogna prova a calciare di sinistro, non trovando lo specchio della porta.

Nella ripresa i padroni di casa si ritrovano subito in dieci a causa della seconda ammonizione di Catalano per fallo su Gabrielloni. Calcio di rigore realizzato da Genchi, che porta in vantaggio i suoi. Al 10’ Genchi replica e firma il raddoppio sfruttando una indecisione della retroguardia granata, depositando in rete con un diagonale mancino preciso e potente sul primo palo. La reazione dei padroni di casa è affidata tutta al sinistro di Maggio, che al 17’ ci prova ma senza fortuna e precisione. Al 20’ Genchi sembra la freccia del Sud e scappa sulla sinistra crossando al centro dell’area per l’accorrente Mignogna, il cui sinistro è salvato sulla linea di di porta da Guarro. Al 23’ lo stesso Mignogna va via al proprio marcatore e deposita in rete di sinistro dopo una finta sul portiere. Al minuto 32 accorcia le distanze il solito Maggio che trafigge Miracolo in uscita con un preciso pallonetto. Al 42’ Liccardi calcia con il piede sbagliato, il destro, e se la palla avesse centrato lo specchio staremmo parlando di un gol strepitoso.

Nulla da fare per i granata, che impattano dopo quasi tre mesi tre le mura amiche e devono arrendersi a un Taranto sempre più in corsa verso la seconda piazza del campionato. La Sarnese dovrà mettersi in forze dopo la Pasqua per prepararsi alla difficile trasferta nella vicina Cava de’ Tirreni.

TABELLINO

 

SARNESE (3-5-2): Ruocco, Liccardi, Guarro, Esposito, Catalano, Nasto, Savarese (30’st Ianniello), Di Capua (9’ st Fontanarosa), Maggio, Tufano, Imparato (21’ st Grenni). A disposizione: Baietti, Nasti, Iovene, Di Palma, Ottobre, Simonetti. Allenatore: Vitter

TARANTO (3-4-1-2): Mirarco, Ibojo, Pambianchi, Ciarcià, Marino, Porcino, Cicerelli, Marsili (27’st Vaccaro), Genchi (37’st Gaeta), Mignogna (25’st D’Avanzo), Gabrielloni. A disposizione: Borra, Lecce, Russo, Giglio, Colantoni, Prosperi. Allenatore: Cazzarò

ARBITRO: Nicoletti di Catanzaro

RETI: 3’ st rig. e 10’ st Genchi, 23’ st Mignogna (T), 32’ st Maggio (S)

NOTE: Spettatori 500 circa. Ammoniti: Pambianchi, Catalano, Ibojo, Marino. Espulso al 2’ st Catalano per somma di ammonizioni. Recuperi: 1’ pt, 4’ st.

 

 

INTERVISTA VITTER

 

SARNO. Nell’intervista del post-partita il tecnico granata Pasquale Vitter ha commentato così la sconfitta col Taranto: “Il primo tempo è stato molto equilibrato, con pochissime occasioni da rete per le due squadre. Sapevamo di incontrare un Taranto in gran forma e abbiamo cercato soprattutto di contenere. Nel secondo tempo c’è stato l’episodio del rigore con conseguente espulsione, i ragazzi hanno perso la testa e abbiamo fatto dei regali ad una squadra che non ne ha bisogno. Quando giochi con una squadra che è tecnicamente più forte di te è normale una sconfitta del genere. Oggi non era nemmeno nella nostra migliore giornata, abbiamo fatto errori che di solito non facciamo”. Dopo la pausa ci sarà il derby contro la blasonata Cavese. Il mister: “Dobbiamo essere bravi a trovare gli stimoli giusti. Possiamo guadagnare lo scettro di migliore squadra campana ma andiamo in un campo difficile dove c’è una squadra tecnicamente migliore di noi e cercheremo di fare bella figura.” Ennesimo goal per Domenico Maggio: “Maggio ha i giusti meriti, oggi ha fatto una bella partita ed è a quota 14. Benissimo per chi come lui è alla prima volta nel campionato di Serie D”.

 

Francesco Lanzetta

addettostampa@polisportivasarnese.it

 

ASD Polisportiva Sarnese Calcio