CONDIVIDI

Logo Sarnese

SARNO. La Sarnese è costretta a fare i conti ancora una volta con la sfortuna in questo campionato: i granata, in dieci per l’espulsione di Catalano a metà secondo tempo, vanno vicinissimi ai tre punti ma sbagliano un rigore con Esposito e vengono puniti dall’argentino Molinari con un calcio di punizione dal limite, che consente al Brindisi di fare bottino pieno allo “Squitieri”. Mister Vitter per la gara odierna, oltre a Savarese e Ianniello, deve fare a meno anche all’ultimo minuto di Cozzolino, influenzato. Solita difesa composta da Esposito, Catalano e Ottobre, mentre a centrocampo rientra al centro Di Capua a fare coppia con Fontanarosa. Sugli esterni il tecnico di Torre Annunziata sacrifica Imparato sulla fascia destra, mentre a sinistra figura il solito Guarro. In avanti Maggio viene supportato invece da Tufano e Di Palma. Pronti via e la Sarnese, col piede sull’acceleratore, mette in difficoltà gli avversari per ben due volte. L’occasione più limpida capita sui piedi di Guarro, che manca l’appuntamento col gol per un soffio. I primi venti minuti sono un monologo di marca granata, col Brindisi in evidente difficoltà sul possesso palla e sulla pressione degli avversari. Al 22′ rompe gli indugi per gli ospiti Molinari, palla che termina a lato della porta di Nobile. Al 24′ numero di Molinari, si gira e si trova a tu per tu con Nobile che para il tiro dell’argentino. Al 27′ ancora Molinari pericoloso, tiro da fuori di sinistro, palla a lato. Al 36′ botta dalla destra di Fontanarosa, palla di poco alta sopra la porta di Pizzolato. Al 44′ occasione del Brindisi con Ancora, tiro dal limite, Nobile blocca a terra la sfera. Al 45′ gran tiro di Catalano rasoterra dall’out destro, Pizzolato para il diagonale. Finisce qui un primo tempo tutto sommato equilibrato. La ripresa si apre con una ghiotta chance per i padroni di casa: al 9′ Maggio ruba palla alla difesa del Brindisi ma al momento del tiro alza troppo la mira e la palla finisce alta sopra la traversa. All’11’ punizione velenosissima da distanza ravvicinata del solito Molinari, Nobile compie un autentico miracolo deviando il pallone all’ultimo secondo. Al 18′ tiro da fuori di Ivone, Nobile devia in corner la sfera. Al 20′ ancora Molinari da distanza ravvicinata col tacco, Di Capua salva tutto sulla linea spazzando la palla. Al 26′ espulso Catalano per doppia ammonizione: nel tentativo di fermare il contropiede avversario è costretto a fare fallo beccandosi il secondo giallo della partita. Al 31′ ancora protagonista Nobile, che annulla il diagonale di Molinari. Al 36′ tiro dalla distanza di Danucci che colpisce il palo, ribattuta di Molinari, Nobile blocca la palla. Al 37′ trattenuta di Ivone su Iovene in area, calcio di rigore. Sulla palla si porta Esposito, che però si fa ipnotizzare da Pizzolato, mancando l’appuntamento col sesto gol personale. Al 46′ arriva il sorpasso beffardo degli ospiti: punizione di Molinari dal limite dell’area, questa volta non sbaglia il puntero argentino e mette a segno l’1 a 0. Troppo pochi i restanti due minuti a disposizione per provare a pareggiare il match: Di Giovanni di Brescia manda tutti negli spogliatoi. I granata proveranno a riscattarsi nella delicata sfida salvezza con la Scafatese tra sette giorni al Comunale di Scafati.

IL TABELLINO

SARNESE (3-5-2): Nobile, Catalano, Guarro, Esposito Gi., Fontanarosa (24’st Iovene), Imparato, Di Palma (21’st Grenni), Ottobre, Maggio (32’st Nasto), Di Capua, Tufano. A disposizione: Ruocco, Liccardi, Nasti, Viscovo, Salvato, Aufiero. Allenatore: Vitter

BRINDISI (4-4-2): Pizzolato, Ivone, Raho, Danucci, Ferrara, Ciano, Loiodice (41’st Ascione), Pollidori (31’st Esposito Ge.), Molinari, Ancora, Varsi (4’st De Vivo). A disposizione: Cattafesta, Lorito, Mannone, Dinelli, Pellegrino, Lorusso. Allenatore: Castellucci

ARBITRO: Di Giovanni di Brescia

RETE: 46’st Molinari (B)

NOTE: Spettatori 300 circa. Ammoniti Catalano, Fontanarosa, Ottobre (S), Ferrara, Pollidori (B). Al 26’st espulso Catalano (S) per doppia ammonizione. Al 38’st Esposito (S) si fa parare un calcio di rigore. Angoli Sarnese 4 – 5 Brindisi. Recuperi 1°T: 1′ – 2°T: 4′.

 

INTERVISTE

SARNO. Così mister Vitter analizza la partita persa col Brindisi nella sala stampa dello Squitieri: “Una partita sfortunata e ricca di episodi. Siamo andati vicini alla vittoria col rigore sbagliato e abbiamo subito la sconfitta nei minuti di recupero. Eravamo stati bravi a neutralizzare le loro occasioni con Nobile, che ancora una volta è stato straordinario. Oggi avevamo ancora una volta numerose assenze, mancava tutta la catena di destra con Savarese e Cozzolino e ho dovuto adattare Imparato a terzino, che a mio avviso ha giocato benissimo nonostante fosse fuori posizione. A livello di prestazione non posso dire nulla ai ragazzi – continua Vitter -, sia oggi che col Bisceglie hanno dato il massimo in campo. Il rammarico è grande perché in due partite in casa abbiamo ottenuto soltanto un punto, ma voglio lodare i miei calciatori perché danno l’anima fino alla fine, com’è successo oggi. Sinceramente non ho visto squadre che ci hanno messo sotto, compreso la gara di oggi. Si sono viste le individualità in campo, come Molinari che è un giocatore di spessore e che ha trascinato i suoi alla vittoria. Speriamo venga presto domenica – conclude il tecnico – per poterci riscattare nello scontro diretto con la Scafatese.

Nobile, ancora una volta migliore in campo, commenta così: “Sono soddisfatto di aver trovato continuità in campo. Devo ringraziare anche i miei compagni di squadra in campo che mi danno la carica necessaria. Oggi ho dato il massimo, c’è grande rammarico per non essere riuscito a bloccare anche l’ultimo tiro di Molinari. Adesso c’è grande voglia di riscatto, andremo a Scafati col coltello tra i denti”.