CONDIVIDI

L’Arzanese deve rimandare ancora una volta l’appuntamento con la prima gioia stagionale e cede ad un Potenza che grazie alla rotonda vittoria dello Ianniello balza al primo posto a pari merito con la Fidelis Andria. Una sconfitta questa, a differenza di sette giorni fa contro la Sarnese, meritata per i biancocelesti che hanno fatto harakiri al 40′ rimanendo in dieci uomini per l’espulsione di capitan Polverino. Il difensore, al rientro dopo lo stop per infortunio, è stato ingenuo colpendo Lolaico a gioco fermo. La superiorità numerica è stata poi capitalizzata appieno dagli ospiti nella seconda frazione grazie alle reti di Bartolini, Palumbo e Viola, tutte con ampie responsabilità della difesa campana.

arzanese

L’inizio della partita è abbastanza equilibrato. Il Potenza sfrutta la densità a centrocampo del 3-5-2 di Giacomarro e prova a giocare palla a terra per vie centrali, con i padroni di casa ordinati in fase difensiva ma poco incisivi nelle folate offensive. L’unica occasione della prima frazione capita sul sinistro di Figliolia che da posizione defilata impegna Patania.

Il Potenza gioca meglio, ma in questa fase del primo tempo vive di giocate estemporanee. A provarci da fuori area è Palumbo con un bel destro ma colpisce solo la traversa. Le occasioni migliori per gli ospiti arrivano alla mezz’ora. Ad incunearsi centralmente è Viola che però si fa ipnotizzare da Vigliotti. Sulla respinta arriva Barillari che calcia a botta sicura ma ancora Vigliotti si supera e salva il risultato. A 5′ dal termine arriva l’episodio che mette la gara in discesa per gli ospiti e in estrema difficoltà l’Arzanese. E’ proprio il capitano, Polverino, a cadere nella provocazione e a reagire con un colpo a Lolaico lasciando colpevolmente in dieci i suoi. Al 32′ Vimercati di Cosenza aveva espulso anche il tecnico arzanese Nutolo per aver oltrepassato l’area tecnica. Decisione, la seconda, apparsa decisamente eccessiva.

 

Con l’uomo in meno Nutolo chiama fuori la punta Longobardi per ristabilire la linea a quattro in difesa e inserisce Pellini. Nella ripresa però è subito Potenza. Dopo soli 7′ Bartolini, ben appostato sul secondo palo, approfitta di una dormita collettiva dell’intero pacchetto arretrato e per lui è facilissimo sbloccare il match. Dopo il vantaggio il Potenza rischia di specchiarsi nelle proprie giocate di fino e l’Arzanese comincia a provare il tutto per tutto. Entra anche Barone in attacco al posto di Cavaliere e i biancocelesti alzano il baricentro. E’ proprio Barone ad avere sui piedi il pallone giusto per pareggiare i conti ma perde l’attimo nel momento della conclusione e si fa recuperare dai difensori ospiti. Passano soli 2′ ed è ancora Potenza con Palumbo che dopo un paio di dribbling scaraventa in porta la palla che congela la partita. Nel finale gloria anche per Viola, per l’Arzanese invece è buio pesto.

 

Vincenzo Piscopo

 

Arzanese (4-3-3): Vigliotti; Savarise, Baratto, Polverino, Criscito; Cavaliere (14′ st Barone), Gatta, Tarascio; Figliolia, Longobardi (42′ pt Pellini), Esposito (41′ st Carginale). A disp.: Sollo, Giordano, Navas, Castaldo, Ottaviano, Cavezza. All.: Nutolo:

 

Potenza (3-5-2): Patania; Lolaico (35′ st Sicignano), Melis, Posillipo; Di Lucchio (42′ st Zaccagnino), Viola, Cianni, Basso, Barillari; Palumbo (40′ st Di Senso), Bartolini. A disp.: Napoli, Catanese, Foscolo, Lauria, Marini, Savoia. All.: Giacomarro.

 

Arbitro: Vimercati di Cosenza.

 

Marcatori: 7′ st Bartolini, 31′ st Palumbo, 38′ st Viola.

 

Note: Espulsi al 40′ pt Polverino per gioco scorretto e al 49′ st Barillari per doppia ammonizione. Al 32′ pt allontanato il tecnico dell’Arzanese Nutolo. Ammoniti Esposito, Melis, Figliolia, Viola. Spettatori 300 con buona rappresentanza ospite. Recupero 3′ e 4′.

 

 

Vincenzo Piscopo

Addetto Stampa Us Arzanese