CONDIVIDI

La Serie B non va in vacanza e scende in campo nel giorno di Santo Stefano per giocare il 20° turno di campionato. Questo turno, giocato sotto un nubifragio su quasi tutti i campi, ha registrato incassi importanti, a dimostrazione che giocare nel periodo delle feste può servire a riavvicinare la gente allo stadio.

Questa giornata si è conclusa con una sopresa inaspettata: l’Empoli capolista cade in casa sotto i colpi di un modesto Cittadella e lascia la testa della classifica al Palermo che in casa soffre ma batte di misura una Ternana sfortunata. Il Pescara di Marino non si ferma più ed espugna Modena con un grande contropiede di Antonino Ragusa. L’Avellino non va oltre il pari in casa di una Reggina che era passata in vantaggio con il solito Di Michele. L’altra squadra campana, la Juve Stabia, esce sconfitta ancora una volta dal “Menti” e vede peggiorare ancora di più la sua classifica. Il Brescia in dieci uomini prima passa in vantaggio ma viene raggiunto a fine tempo da Di Carmine. Ma nel secondo tempo è ancora il Brescia a dimostrare la sua superiorità espugnando Castellamare. In caduta libera anche il Lanciano. Il Carpi vince in Abruzzo e inguaia la squadra di Gautieri, partita fortissimo questa stagione. Dopo il vantaggio abruzzese il Carpi ha reagito trovando tre gol e portando a casa un importante vittoria. Pari per LatinaCesena e Padova- Siena.

La serie cadetta non si ferma e Domenica torna in campo con l’ultimo turno d’andata.

Luigi Iervolino