CONDIVIDI

Continua la marcia a braccetto in vetta di Empoli e Frosinone. Sabato i toscani annientano il Parma (4-0), domenica il Frosinone risponde (2-0)all’Ascoli. E’ un ritmo che fa selezione perché il Palermo scivola a -6 (sconfitta 1-0 al Curi). Il Cittadella si conferma quarta forza del campionato vincendo al Manuzzi (0-1). Seconda vittoria consecutiva per il Bari (0-1 a Cremona), mentre il Venezia si rilancia (3-1 contro l’Avellino). Pari deludente per la Salernitana.

FORZA 4- L’Empoli fa un altro sport, anzi un altro gioco rispetto alle avversarie. E’ Forza 4: quattro reti al Bari e altrettante a Palermo e Parma. Doveva essere un tour de force, è diventata una marcia trionfale. Gol, gioco spettacolare, individualità, forma fisica straripante e il saggio Andreazzoli in panchina. L’Empoli si candida alla promozione in Serie A e a interpretare il ruolo di Napoli della serie B.

PANCHINE TRABALLANTI- Allenare in serie B è il mestiere più precario del mondo. Sono stati tanti gli avvicendamenti sulle panchine del torneo cadetto. Dopo i risultati della 26ma giornata, ci sono quattro panchine in bilico: D’Aversa, Novellino, Tedino e Colantuono rischiano forte. Erano chiamati al riscatto, ma non hanno fatto risultato. I primi tre hanno perso, l’ultimo ha raccolto solo un punto che ha il retrogusto di una sconfitta.

LA RINASCITA DEL FOGGIA- Un girone di andata da incubo e un ruolino di marcia in casa imbarazzante. Ma il 2018 presenta un Foggia rinato: quarta vittoria consecutiva, +6 sulla quintultima e solo tre punti di distacco dalla zona play-off. La ricetta della rinascita? Fiducia a Stroppa e mercato di riparazione intelligente con l’acquisto di Kragl che fa la differenza in mezzo al campo e in area di rigore.

PUSCAS- Quinto gol in 3 uscite. Si è presentato così Puscas ai tifosi del Novara. Ancora a segno anche nella gara di sabato, anche se stavolta  non è servita a raccogliere il bottino pieno. Di Carlo, però, può coccolarsi il suo nuovo bomber e sorridere per il secondo risultato utile consecutivo in due gare.

LA PERLA- Il protagonista che non ti aspetti. La rete più bella di giornata porta la firma di un terzino: D’Elia del Bari. Marcatura decisiva che regala i tre punti ai pugliesi contro la Cremonese. Il difensore di Mugnano di Napoli, raccoglie un pallone al limite dell’area di rigore e scarica con rabbia sotto il sette. Gol meraviglioso.