CONDIVIDI

Palermo chiama, Frosinone risponde. Sabato i rosanero liquidano il Brescia (2-0), domenica il Frosinone espugna il Tombolato (1-2). Morale della favola: il tandem di testa viaggia spedito verso la A. L’Empoli insegue e mantiene la stessa andatura (0-4 al Bari). Risale il Parma (3-0 al Novara), la Cremonese si blocca al Partenio (0-0). In coda successi importanti per Foggia (1-2 a Chiavari) e Pro Vercelli (2-0 all’Ascoli).

USATO SICURO- Nella parte alta della classifica, si sono mosse un po’ tutte sul mercato, tranne l’Empoli. I toscani si sono affidati fin qui alla rosa della prima parte di stagione. Risultato? Due vittorie consecutive dopo la sosta e nono risultato utile consecutivo. L’ultima vittima della banda Andreazzoli è stato il Bari, tramortito a domicilio da 4 schiaffi (Donnarumma, Caputo, Zajc e Ninkovic). L’Empoli vola e attende la supersfida contro il Palermo al Castellani.

TRASFERTE DOLCI- In casa è un incubo, ma quando il Foggia abbandona le mura amiche si trasforma: su 25 punti totali, 17 sono stati raccolti in trasferta. Gli ultimi 3 sul campo dell’Entella grazie alle reti del neo-acquisto Kragl e di Mazzeo. Vittoria pesante contro una diretta concorrente e sorpasso in classifica. Stroppa può respirare.

LA NONA DI SUPERPIPPO- Torna a sorridere Pippo Inzaghi. Dopo 8 gare senza vittorie, il Venezia piega il Cesena (1-0) con la rete di Geijo e agguanta l’ottavo posto in classifica in coabitazione con il Carpi. Se Geijo segna, Audero, portiere indonesiano di proprietà della Juve, conserva: il numero 1 salva i suoi al 92′ sul tiro di Fazzi e para la crisi di risultati che affliggeva la squadra di Inzaghi.

LO SFOGO- Contro la Pro Vercelli, l’Ascoli aveva solo un risultato possibile:la vittoria. E invece nello scontro diretto per il penultimo posto, i marchigiani sono stati sconfitti 2-0. Al termine della gara, Cosmi si è sfogato così:“Non ci sto a perdere così. Mi assumo le responsabilità per le scelte che ho fatto. Sono state scelte sbagliate. Ma adesso i miei calciatori dovranno vomitare prima che io li faccia giocare”. Parole dure, ma per vedere se scateneranno una reazione nei suoi giocatori, bisogna attendere la prossima gara.

LA PERLA- Il gol più bello di giornata arriva “dalla serie A”. Già perché lo ha realizzato Kragl, centrocampista del Foggia prelevato a gennaio dal Crotone. Il tedesco spiana la strada al successo dei pugliesi con una sassata micidiale che si infila sotto l’incrocio. Da applausi.