CONDIVIDI

Il Frosinone batte il Brescia (2-0) e aggancia il Parma in vetta fermato sull’1-1 dalla Ternana. Sale anche l’Empoli che vince di rigore contro il Carpi (1-0). Si ferma il Venezia, solo pari contro la Pro Vercelli (1-1). La Salernitana si fa raggiungere all’overtime dal Perugia, mentre l’Avellino rimonta in 10 al 94′ contro il Cittadella (2-2).

IL TABÙ- Da quando è stato inaugurato il Benito Stirpe 2.0, il Frosinone non aveva mai vinto davanti al suo pubblico. Ci pensano Citro e il solito Dionisi a liquidare la pratica Brescia e a rilanciare le ambizioni della squadra di Longo in alta classifica.

MISTER X- Non si tratta di calciomercato, ma di una tendenza. Nelle ultime 7 partite la Ternana di Pochesci ha conquistato 7 pareggi, alcuni sanno di beffa come nel derby, altri sono oro colato come quello che permette agli umbri di frenare la corsa del Parma.

RIMONTA E RIMONTATA- Dopo la clamorosa sconfitta nel derby, all’Avellino serviva un risultato shock per ripartire. E’ arrivato al Tombolato contro il Cittadella. Gli uomini di Novellino passano in svantaggio, pareggiano con Laverone, restano in 10 per l’espulsione di Suagher, subiscono il nuovo vantaggio del Cittadella. A tempo scaduto Litteri sbaglia il rigore e sull’azione successivo Laverone cala il jolly per il 2-2 definitivo. Pari di cuore che può cambiare la stagione dell’Avellino.

IL RITORNO- Siamo sinceri: a questa serie B mancava Cosmi e il suo stile ruspante in panchina. Ecco che Serse torna in cadetteria per guidare l’Ascoli dato già per spacciato da molti addetti ai lavori. Impresa impossibile, forse: però sono bastati 90′ per ritrovare un Ascoli più determinato che sfiora la vittoria e si morde le mani per il pari subito al 90′ dall’Entella.

LA PERLA- Tanti gol belli in questa giornata di Serie B, ma la palma del più bello va a Moncini del Cesena che in mezza rovesciata punisce il Pescara di Zeman. Rete stupenda e decisiva che spiana la strada al successo della squadra di Castori.