CONDIVIDI

Tante emozioni, tanti gol e altrettanti colpi di scena. Insomma, non ci si è annoiati nel decimo turno del campionato di B. Il Venezia piega l’Empoli (1-0). Dietro il tandem di testa, inseguono a una lunghezza 5 squadre: Cremonese (2-0 al Brescia), Bari (4-2 contro il Cittadella), Pescara (2-1 all’Avellino), Frosinone(1-1 all’Arechi contro la Salernitana) e Novara (2-0 al Palermo). In coda, il Cesena rimonta nei minuti finali il Foggia (3-3).

LA PRIMA VOLTA- Troppi pareggi e gioco assente, ma anche l’imbattibilità. Stavolta, però, il Palermo di Tedino deve rinunciare anche all’unico pregio di questo inizio di stagione stentato. Contro il Novara arriva la prima sconfitta stagionale. Decisiva la doppietta di Moscati nella ripresa.

GOL SPECIALE- Dopo la retrocessione sul campo e il fallimento in tribunale, Alessandro Lucarelli ha scelto di restare a Parma e di ripartire dalla D. Con la fascia di capitano ha guidato i suoi compagni alla doppia promozione in B. Oggi la sua rete di testa ha aperto le danze nel match vinto, pur soffrendo, contro l’Entella per 3-1.

LA DEDICA- Nonostante la buona posizione in classifica, il Frosinone è in calo di gioco e di risultati. All’Arechi la squadra allenata da Longo ha dovuto fare a meno di Dionisi, assente per lutto (in settimana è venuta a mancare la madre). La partita si è messa in salita per i ciociari e prima il gol di Schiavi e poi l’espulsione di Brighenti sembravano condannare alla terza sconfitta consecutiva gli uomini di Longhi. Ma a un quarto d’ora dalla fine ci ha pensato Crivello che prima ha pareggiato i conti e poi ha dedicato la rete proprio al suo compagno di squadra. Rete importante e gesto stupendo.

ALTRO KO-  Il Perugia è in caduta libera. Contro lo Spezia è arrivata la quarta sconfitta consecutiva (4-2). L’ottimo inizio di stagione ormai è alle spalla. E’ girato tutto storto per gli umbri, prima la rete subita a freddo dopo 2′ di gioco, poi la papera di Rosati e infine il malinteso tra Volta e Monaco. Insomma, peggio di così non poteva andare. E adesso la panchina di Giunti traballa.

LA PERLA- Il gol più bello di giornata lo ha messo a segno Mazzeo del Foggia: dribbling sulla trequarti e conclusione dai 20 metri che termina sotto l’incrocio dei pali. Sembra il colpo del ko, ma il Cesena trova la forza di reagire e nel finale rimonta e porta a casa un punto insperato.