CONDIVIDI

E’ il giorno del Frosinone: la squadra di Pasquale Marino si aggiudica lo scontro diretto contro il Verona e inguaia Pecchia. Si ferma anche il Benevento, sconfitto dal Bari in un pirotecnico 3-4, continua invece a salire la Spal: 2-0 al Perugia e secondo posto in classifica. Momento d’oro per l’Avellino che travolge il Vicenza 3-1 al Partenio, male la Salernitana. battuta a Trapani (1-0).

FUOCHI D’ARTIFICIO- Si è segnato tanto in questa giornata: ben 34 reti realizzate. In effetti già venerdì si era intuito il trend: 12 reti complessive tra Brescia-Cittadella e Benevento-Bari. Chiamatelo anche torneo provinciale, ma sa sorprendere e regalare emozioni uniche.

IL DIGIUNO- Mancano 3 giorni all’inizio della Quaresima, un periodo di riflessione e di astinenza (limitata) dal cibo secondo la liturgia cattolica. Insomma, è questo il momento ideale per spezzare un lungo digiuno. Chiedetelo a Macheda che ha interrotto un lunghissimo digiuno: non segnava in Italia dal 2011. Ieri è tornato al gol con la maglia del Novara. Meglio tardi che mai.

THE REVENANT- Un passato remoto illustre e un passato prossimo da disoccupato. Rolando Bianchi non se la passava bene. Ha trovato squadra solo il 19 febbraio a mercato invernale già concluso da tempo. La Pro Vercelli gli ha concesso una possibilità e lui l’ha colto alla grande. Il blitz dei Piemontesi al Manuzzi porta anche la sua firma: è suo il gol che spalanca le porte alla vittoria della Pro.

IL PRIMATO- Se il campionato di B fosse partito il 1 gennaio 2017, la capolista sarebbe diversa. Sì, l’Avellino occuperebbe la vetta della classifica. Nel nuovo anno i biancoverdi hanno conquistato 14 punti. Merito di Novellino: da quando c’è lui gli irpini non perdono un colpo. E pensare che nel 2016 l’Avellino aveva avuto un ruolino di marcia da retrocessione.

LA PERLA- Continua il momento magico della Spal che ridimensiona il Perugia e scavalca in un colpo solo Verona e Benevento. La squadra di mister Semplici viaggia a vele spiegate anche grazie a Floccari. E’ sua la rete più bella di giornata: sinistro improvviso da una ventina di metri che non lascia scampo a Brignoli.