CONDIVIDI

Prosegue la marcia trionfale del Verona: poker allo Spezia in trasferta. Dietro, in attesa dell’Entella (partita rinviata con l’Ascoli per il terremoto che ha colpito l’Italia centrale), tiene il passo il Cittadella che batte 2-0 la Salernitana. Seconda vittoria consecutiva del Perugia, dopo lo stop contro il Carpi. Il Pisa di Gattuso si arrende alla banda Bucchi. In coda situazione drammatica per il Trapani, sconfitto in casa dal Vicenza.

IL DILUVIO- Con la pioggia o con il sole, la musica non cambia. Il Verona vince e convince. Al Picco non c’è partita. O quasi. Il rigore di Granoche riequilibra il match solo momentaneamente, perchè i gialloblu tirano su le maniche, dominano la partita e servono il poker finale allo Spezia.

IL GRANDE MALATO- Mercato sontuoso, squadra sulla carta pronta per battagliare con il Verona per la promozione. Eppure il Bari non decolla. Anzi, il suo campionato sembra non essere mai partito. Anche a Latina la squadra di Stellone colleziona un’altra sconfitta contro un avversario tutt’altro che irresistibile. Per i biancorossi c’è l’anonimato dietro l’angolo. Per Stellone,invece, c’è l’ombra di Colantuono.

120” DI FOLLIA- Comincia bene la Salernitana al Tombolato. Il Cittadella fatica a trovare spiragli. Gli ospiti sono ben messi in campo e sfiorano anche il vantaggio con Coda. Poi la follia di Tuia che lascia in dieci la squadra di Sannino al 37′. Due giri di lancette e il Cittadella sblocca: cross di Schenetti, malinteso tra Terracciano e Perico e per Litteri è un gioco da ragazzi infilare in porta il pallone. Nella ripresa l’attaccante serve anche il bis che affossa la Salernitana.

L’ACCENDINO- Gira tutto storto per il Trapani in questo periodo. Nello scontro diretto contro il Vicenza, i Cosmi’s boys prima vanno sotto, poi sprecano a 7′ dalla fine un rigore con Petkovic che si fa ipnotizzare da Benussi. Proprio il portiere del Vicenza è protagonista di un siparietto con l’arbitro. Dalla curva trapanese piovono oggetti. Benussi prima di rinviare raccoglie un accendino per tirarlo fuori dal campo. L’arbitro pensa a una perdita di tempo e lo ammonisce. Benussi corre per giustificarsi con l’accendino in mano. Ma le proteste non cancellano la decisione del fischietto.

LA PERLA- Il gol più bello di giornata lo ha realizzato Camillo Ciano nell’anticipo del venerdì: tiro a giro dal lato corto dell’area di rigore che non lascia scampo a Minelli. E’ la rete del 2-2, ma nel finale il Brescia segna ancora e vince grazie alla rete di Martinelli.

Mariano Messinese