CONDIVIDI

Voto 10 ai 32 di Higuain:

(La gioia del pipita)
(La gioia del pipita)

Il pipita torna a graffiare dopo quattro turni di astinenza (forzata), per l’argentino sono 32 i gol messi a segno, tre in meno dello svedese Nordhal che detiene il record di gol nel campionato a venti squadre. Con la doppietta del pipita il Napoli tiene a debita distanza la Roma nella corsa al secondo posto Champions.

Voto 9 al tedesco eterno:

Klose alla tenera età di 37 anni sa ancora essere decisivo, la sua perla contro l’Inter ha spianato la vittoria alla Lazio di Simone Inzaghi. L’aria di rigore è il suo habitat naturale, ci si trova a meraviglia e quando gli arriva la palla è praticamente una sentenza. Forse le prossime due partite saranno le ultime per questo campione che in carriera ha vinto tutto quello che c’era da vincere.

Voto 8 alla saetta di Totti:

Un finale di stagione così per il capitano nessuno se l’aspettava, contro il Genoa è arrivato l’ennesimo gol di questo periodo, una saetta da fermo che ha gonfiato la rete del Genoa, roba da autovelox. Adesso il prossimo step sarà il rinnovo per il capitano che non vuole e non può smettere in queste condizioni di forma.

Voto 7 a Ballardini:

Ballardini è riuscito a riportare il Palermo sulla rotta della salvezza, impresa non da poco visto le vicende degli ultimi mesi. Il Palermo si è guadagnato sul campo la possibilità di giocarsi la salvezza, il calendario in questo senso potrebbe dargli una mano.

Voto 6 al sorpasso del Sassuolo:

Il Sassuolo mette la freccia e sorpassa il Milan sulla corsia che porta ai preliminari di Europa League; alla luce di quanto fatto in questi anni gli emiliani meriterebbero un posto in Europa. 180’ ancora da giocare, due partite per entrare nella storia.

Voto 5 al Frosinone:

Il Frosinone di Stellone sciupa una ghiotta occasione in casa del Milan, nonostante i due gol di vantaggio i ciociari si sono fatti rimontare nel finale di gara. Questo pareggio non da la matematica certezza di retrocedere al Frosinone ma praticamente ci siamo quasi.

Voto 4 al Milan di Brocchi:

Brocchi salva parzialmente la panchina strappando un punto con il Frosinone. La situazione si era messa malissimo per il Milan che nel finale è stato almeno abile nel saper rimontare; niente però ha salvato la squadra dai fischi di S.Siro.

Voto 3 alla Fiorentina:

Altra partita incolore per la Fiorentina di Sousa, addio al calcio champagne visto nella prima parte di campionato. Il quinto posto alla fine rispecchia i valori di questa squadra che solo spingendo al massimo sull’ acceleratore poteva sperare in qualcosa di più.

Voto 2 all’Udinese:

L’Udinese proprio non vuole chiudere la pratica salvezza, i friulani adesso conservano un risicato vantaggio di tre punti sulle inseguitrici. Certo, salvo crolli l’Udinese si salverà ma occhio a darlo per scontato, il ritorno di Di Natale potrebbe comunque dare una mano alla causa.

Voto 1 al mal di trasferte dell’Inter:

Il bilancio in trasferta dell’Inter nelle ultime nove è drammatico, Mancini non ha saputo regalare una vera identità a questa squadra che ha notevoli problemi di personalità. Contro la Lazio è scesa in campo una squadra senza voglia e carattere, inaccettabile se ti chiami Inter.

Vincenzo Torino