CONDIVIDI

Voto 10 alla stagione del pipita:

02_Gonzalo_Higuain_Napoli_Getty-1200x800
Fonte internet

Non ci sono più parole per descrivere la stagione di Higuain. Ieri contro il Genoa si è caricato ancora una volta la squadra sulle spalle, una doppietta d’autore, altre due perle regalate al pubblico del San Paolo. Se il Napoli può correre ancora per lo scudetto deve senz’altro ringraziare il suo bomber che per distacco è il miglior centravanti del campionato.

Voto 9 alla Juve:

La Juve è un rullo compressore, tutto quello che passa sotto i suoi piedi viene schiacciato, certo ieri qualche svista arbitrare è pesata sul risultato finale, ma questa Juve è maledettamente cinica. Eccezionale la punizione di Pogba che inserisce così un altro colpo nel suo vasto repertorio tecnico.

Voto 8 alla lotta per non retrocedere:

Mai come in questo momento la lotta per non retrocedere è incertissima, sono almeno otto le squadre intrappolate nelle “sabbie mobili”. Gran parte del merito di questa lotta va a Carpi e Frosinone, date per spacciate da tutti sono ancora li, vive come non mai. Le prossime 4-5 giornate saranno certamente indicative ma questa situazione si potrebbe risolvere anche all’ultimo minuto del campionato.

Voto 7 al ritorno della Dea:

Dopo 14 partite torna il sereno in casa Atalanta, Reja spazza così le nubi nere sulla sua testa con una grande prestazione nel segno di Diamanti. Il fantasista italiano ha portato a casa un gol e un assist contro la sua amata Bologna, adesso per la Dea sarà fondamentale la continuità.

Voto 6 al colpo esterno del Chievo:

Una vittoria che sa tanto di salvezza per il Chievo di Maran. Basta il gol di Meggiorini per chiudere la pratica Samp, in realtà il risultato poteva essere più rotondo se non fosse stato per le prodezze di Viviano, ma di certo in casa Chievo va bene così.

Voto 5 a Roma-Inter:

Chi si aspettava gol e spettacolo da questa sfida sarà rimasto deluso, le due squadre si sono rispettate per tutti i 90’, meglio l’Inter fino al gol di Perisic poi è uscita fuori la Roma. Il pareggio sembra il risultato più giusto, entrambe le squadre restano in corsa per la champions con la Roma stra-favorita.

Voto 4 alla Fiorentina:

Si inceppa ancora il meccanismo di Paulo Sousa, con il Frosinone è arrivato soltanto un pareggio, il secondo consecutivo. La viola sembra quanto meno appannata nelle ultime giornate, il gioco fluisce meno rispetto al recente passato e il risultato finale è sotto gli occhi di tutti.

Voto 3 alla Sampdoria:

La Samp si fa male da sola. La sconfitta con il Chievo cancella gli ultimi turni positivi che sembravano aver sancito la svolta decisiva. L’attacco è sempre più spuntato, non si capisce il momento di Muriel che nella passata stagione ha fatto faville con Mihajlovic. Intanto piovono polemiche sul caso Ferrero-Eto’o, insomma non un bel momento in casa doria.

Voto 2 alla Lazio:

Dopo la batosta di Europa League ci si aspettava una grande prova da parte della Lazio, niente da fare. I biancocelesti sono sempre lì sul filo della mediocrità, Anderson è un fantasma e in attacco si vive solo di fiammate. A fine anno si tireranno le somme ma di certo il bilancio non sarà positivo.

Voto 1 al caso Menez:

In casa Milan è scoppiato il caso Menez che nella sfida con la Lazio si è rifiutato di riscaldarsi a 15’ dalla fine (convinto alla fine da Sakic). Mihajlovic ha cosi un nuovo grattacapo da risolvere come se non bastassero i risultati in campo. La sosta arriva come una manna dal cielo per il tecnico serbo che in queste due settimane dovrà rimettere insieme i cocci.

Vincenzo Torino