CONDIVIDI
Fonte internet

Voto 10 al Re di Roma:

Il nuovo Re di Roma (f.i.)
Il nuovo Re di Roma (f.i.)

Roma ha un nuovo Re : Stephan El Shaarawy. Il faraone con la doppietta di Empoli ha chiuso un mese di febbraio  eccezionale, sia dal punto di vista fisico che realizzativo. A Milanello qualcuno si starà mangiando le mani, soprattutto se si pensa che a lui si è preferito Balotelli. La Roma ha investito sul faraone nel mercato di Gennaio, il campo gli sta dando ragione, con lui il terzo posto è sempre più nel mirino.

Voto 9 alla fuga della Juve:

Questa è la prima vera fuga del campionato. La Juve approfitta del pareggio del Napoli per scappare a +3 dagli azzurri, in questo momento del campionato possiamo iniziare a parlare di un allungo importante. Poteva essere un turno insidioso per la vecchia signora che invece senza affanni ha battuto la storica rivale dell’inter.

Voto 8 a Fiorentina – Napoli:

Il posticipo del lunedì ha regalato mille emozioni a chi ama il gioco del calcio, tutto però si è  deciso del giro di un minuto con il botta e risposta tra Alonso e Higuain. Due squadre con una chiara identità di gioco sul prato di Firenze, la viola avrebbe meritato i tre punti ma il Napoli è stato bravo a non barcollare nei momenti di difficoltà. A conti fatti questo punto serve poco, però le due squadre possono essere contente per lo spettacolo offerto.

Voto 7 al Milan:

Non sarà un Milan schiacciasassi quello di Mihajlovic, però va detto che questo Milan ha trovato la giusta continuità. Adesso la classifica inizia ad essere degna del blasone dei diavoli rossi, il tecnico si dice pronto a puntare il terzo posto, impresa difficile ma avere un obbiettivo a questo punto della stagione è già tanta roba.

Voto 6 al Sassuolo:

Il Sassuolo torna a convincere, battuta la Lazio in trasferta grazie al rigore di Berardi e all’acuto del solito Defrel. Il settimo posto è il giusto premio per una squadra che ha una progettualità ben precisa e definita, due componenti rare nel calcio nostrano.

Voto 5 alla Lazio:

La Lazio in Europa sta facendo faville, infatti è l’unica italiana ancora in corsa per l’Europa League, i problemi però si paventano quando torna a giocare sui prati di serie A. L’ottavo posto è decisamente troppo poco per i biancocelesti che però meritano questa posizione, troppo poca la continuità di risultati per puntare in alto.

Voto 4 a Carpi- Atalanta:

Ventura (f.i.)
Ventura (f.i.)

Due squadre che non sanno più vincere, specialmente l’Atalanta che manca l’appuntamento con i tre punti da un’eternità. Il pareggio inguaia decisamente il Carpi che senza le vittorie casalinghe non può di certo puntare alla permanenza nella massima serie.

Voto 3 al Torino di Ventura:

Il Torino sembra ormai smarrito, poca la convinzione messa in campo dai granata contro il Milan; forse siamo arrivati alla fine del progetto Ventura, il tecnico ha dato tanto per questa maglia, probabilmente tutto. A fine anno Cairo potrebbe decidere per la svolta, aprendo magari le porte della nazionale al tecnico, sarebbe il giusto premio alla carriera.

Voto 2 all’assist di D’ambrosio:

Un assist come quello di D’ambrosio a Bonucci non si può fallire, peccato per il difensore nerazzurro  che i due non giochino insieme. Anche a distanza di giorni non si riesce a capire l’errore di d’Ambrosio, roba che nemmeno sui campi di prima categoria si vede, figuriamoci in serie A.

Voto 1 al naufragio nerazzurro:

Era novembre 2014 quanto Walter Mazzarri venne esonerato dalla panchina dell’Inter, dentro Mancini e tanti cari saluti alla difesa a tre del mister tanto contestato quanto fischiato. Eppure un anno e mezzo dopo l’Inter si presenta allo Stadium proprio con quel modulo tanto odiato, dimostrazione di un progetto tecnico- tattico fallito da parte di Mancini. A fine anno si tireranno le somme, il tecnico ha finito i bonus con i tifosi, nemmeno i successi del passato possono tenerlo a riparo dall’ennesima stagione da dimenticare.

Vincenzo Torino