CONDIVIDI

Del_Piero_Davide_SchepisNotte di San Lorenzo, notte di stelle cadenti, notte di desideri che si avverano. Sicuramente quella di ieri, per i più inguaribili romantici in attesa sulle spiagge, è stata una nottata deludente, infatti, la “superluna”, con la sua luminosità, ha cancellato una qualsiasi possibilità di vedere la tanta agognata stella cadente.

Eppure, quasi fosse uno scherzo del destino, ieri si è avverato il desiderio che accomuna gli juventini di tutto il mondo: Alex Del Piero e la Juventus si incontrano di nuovo anche se, questa volta, da avversari.
Più che un amichevole estiva, ieri si può dire che a Sidney si sia tenuta una replica di quel che accade a Torino il 13 maggio 2012, in occasione di Juve-Atalanta.

Juventus – A. League All Star è stata un nuovo amarcord per Pinturicchio, incitato ed osannato dai tifosi ad ogni controllo di palla, ogni dribbling, ogni tiro. Del Piero è stato il giocatore più amato dai tifosi juventini nel corso degli ultimi vent’anni e, al di fuori di ogni logica umanamente comprensibile, continua ad esserlo ancora oggi, nonostante giochi ormai da due anni nella terra dei canguri.

Volendo usare una metafora per quanto successo ieri, si potrebbe paragonare Del Piero alla superluna della scorsa notte. Nonostante il cielo fosse pieno di stelle (immaginiamo fossero i giocatori in campo ieri), arriva lui, con la sua grande forza, con una luce talmente potente da essere in grado di eclissare tutto ciò che lo circonda, nonostante in passato si fosse sempre dimostrato una persona umile e che non ama stare al centro dei riflettori. Basti pensare alle sue ultime settimane in bianconero, consapevole che il suo destino era già stato deciso a tavolino da terzi, trascorse in silenzio. Nessun mugugno con la società, nessun rancore verso l’allenatore/ex-compagno Antonio Conte e nessuna intenzione di aizzare i tifosi bianconeri contro l’ingrata dirigenza.

Un Cavaliere. Questo è stato Alessandro Del Piero per i tifosi, per la maglia e per la storia della squadra.
Proprio nei giorni scorsi Del Piero aveva annunciato un suo possibile ritorno alla Juve, da dirigente. D’altronde, un cavaliere non abbandona mai la propria signora.
Davide Schepis