CONDIVIDI

Hermes

Blitz imperioso per l’Hermes Casagiove nel posticipo del 19° turno del Girone A di Promozione. Grazie ad una prestazione soddisfacente dell’intero gruppo al “Lorenzo Montecuollo”, la compagine giallorossa si sbarazza dei padroni di casa del Cellole con un netto 0-4. Per effetto di questo trionfo rotondo, la capolista riporta a tre i punti di distacco sull’inseguitrice Ortese, che ieri ha superato la Boys Caserta Academy.Partita mai in bilico tra le due contendenti, a causa del superiore tasso tecnico degli ospiti, nei quali si è posto in grande evidenza Scarpato, autore dei primi due sigilli in maglia giallorossa. Per il Cellole c’è la buona notizia del ritorno di Achille Sauchella come presidente, che di sicuro cercherà di trascinare il suo sodalizio alla salvezza.

PRE-PARTITA: Quattro mesi dopo Achille Sauchella torna nelle vesti di presidente del Cellole, dopo aver preso il posto di Giovanni Grecola in settimana. Da anni protagonista nel panorama calcistico locale con Cellole e Virtus Carano, il dirigente domiziano rientra in gioco per assicurare alla compagine della sua città natale la tanto agognata salvezza. Assente Iandicotra i padroni di casa, così come l’infortunato Brustia ed Izzo che nella notte è stato portato in ospedale poiché ha avuto un abbassamento di pressione, dovuto al virus influenzale, e non è partito con la squadra in mattinata. Tra lo stupore generale dei tanti addetti ai lavori presenti sugli spalti della tribuna costiera tra cui dirigenti di Ortese, Sessana, Vitulazio e Real San Felice, l’allenatore Casaccio lascia in panchina Vincenzo Russo, l’attuale capocannoniere del girone con 14 sigilli realizzati.

PRIMO TEMPO: La gara entra subito nel vivo con la rapida verticalizzazione di Papa per Capobianco che non crea grattacapi a D’Auria (1’). Replicano immediatamente i locali di Michele Vitale con un’occasione che fa sudare freddo alla capolista. Corvino anticipa Scalera e mette al centro un pallone che sfila a pochi passi dalla linea: troppo tardi ci arriva Di Serio e l’azione sfuma. Per affrontare al meglio la gara su un terreno di gioco, il “Lorenzo Montecuollo”, che è ha dimensioni ben più ampie rispetto a Casagiove, l’Hermes della famiglia Corsale è costretta a snaturarsi, non per il modo di giocare bensì nelle misure delle giocate. Il pallino del gioco è quasi sempre nelle mani degli ospiti che mancano il bersaglio di pochi centimetri con Santonastaso al 6’. Poco dopo il decimo minuto, sale in cattedra Monaco che dalla lunetta s’inventa un tiro a giro che mette fuori causa D’Auria ma si stampa sulla traversa (11’). Opportunità per lo stesso Monaco di studiare le misure in vista del vantaggio siglato al 21’. Sugli sviluppi di una punizione dal limite destro, il fantasista sammaritano caccia dal cilindro una traiettoria magistrale che bacia la traversa e s’infila in rete. Quarto sigillo stagionale per Monaco che finalmente ritrova l’armonia in fase realizzativa e corre a festeggiare insieme al tutto il gruppo in direzione del panchinaro di lusso Vincenzo Russo, serrando la porta ad ogni spiffero maligno inerente la reputazione di un gruppo che dimostra di essere unito più che mai. I padroni di casa provano a rimettersi in carreggiata, sorretti dal capitano Vitale e dal rapido Corvino che si esibisce in numerose scorribande sulla fascia destra. Da una di questa proviene il servizio per Gallo che in girata lambisce il palo (27’). Monaco si trova a suo agio su questo campo ed, in diverse circostanze, salta avversari come birilli. Come al 29’ quando egli taglia centralmente la mediana e serveSantonastaso che non inquadra lo specchio della porta. AncoraSantonastaso accentra per Capobianco che conclude: D’Auria gli chiude lo specchio e salva in angolo (37’).

TABELLINO: CELLOLE-HERMES CASAGIOVE = 0-4

SECONDO TEMPO: L’Hermes Casagiove entra nella ripresa con il piglio della grande squadra e mette in cassaforte il punteggio con l’individualità per palati fini di Scarpato. Strepitosa penetrazione dell’ex capitano della Nerostellati Frattese che taglia centralmente la retroguardia locale e trafigge D’Auria con una conclusione angolata. Dedica alla fidanzata presente in tribuna per Scarpato che sigla il suo secondo goal in maglia giallorossa Dopo il raddoppio, gli ospiti addormentano il match e puntano sulle forze fresche di Toscano e Vincenzo Russo per arrotondare il risultato.  Tra i locali ci prova soprattutto Mirra con staffilate da fuori area che finiscono a lato. Pian piano la condizione atletica del Cellole cala e gli uomini di Casaccio sfruttano la situazione a dovere, rendendo più pesante il passivo. Da applausi la rete dello 0-3. Lancio con il contagiri di Scarpato sulla fascia destra perSantonastaso che entra in area e pesca sul secondo palo Toscano che scaraventa la palla in rete (74’). Dopo che Tommaso Merola rimane la porta immacolata sul tiro di Pasquale Russo, l’Hermes fissa il punteggio sullo 0-4 con Scarpato che sigla la sua doppietta personale, grazie alla deviazione decisiva di Fabozzi.

CELLOLE: D’Auria, Sciorio, Mirra, Lombardi, Fabozzi, Zannini, Vitale (78’ Di Tommaso), Di Serio (50’ Russo Pasquale), Gallo, Varone Emilio, Corvino (63’ Ruberto). In panchina:Verrengia, Caiazzo, Varone Italo Alessandro, Freda. Allenatore:Michele Vitale

HERMES CASAGIOVE: Merola, Di Gioia, Iannitti,Santonastaso (75’ Chiummariello), Mingione, Scalera, Monaco (55’ Toscano), Scarpato, Capobianco (60’ Russo Vincenzo), Papa,Perretta. In panchina: Di Bernardo, Sorgente, Bosi, Palmiero.Allenatore: Vincenzo Casaccio

RETI: Monaco 21’ (HC), Scarpato 48’ (HC), Toscano 74’ (HC), Scarpato 86’ (HC)

ARBITRO: Antonio Panariello della sezione di Torre del Greco (assistenti: Antonio Piedipalumbo e Gianpaolo Pregevole di Torre Annunziata)

NOTE: Ammoniti: Toscano (HC). Angoli: 2-2. Recupero: 1 nel primo tempo; 2 nel secondo tempo. Spettatori: 150 circa

Ufficio Stampa Hermes Casagiove