CONDIVIDI

Esultanza Hermes Casagiove

L’Hermes Casagiove batte di misura il Rinascita US Vico ed inizia nel migliore dei modi nel 2014. I giallorossi sconfiggono con il punteggio di 2-1 i napoletani e ritrovano la vittoria interna tra le mura amiche, archiviando il pareggio beffardo imposto dal Real San Felice a Cancello nell’ultima gara del 2013. Discreta prestazione di Merola&soci che avrebbero potuto ipotecare prima il match, qualora fossero state sfruttate le tante occasioni da rete create, soprattutto nella prima frazione. Un dato che Vincenzo Casaccio cercherà di rimediare in settimana, intanto si delinea una corsa a due per il primato nel Girone A di Promozione con l’Hermes e l’Ortese che si dividono il vertice della classifica e fanno il vuoto, considerando che la Sessana è staccata di otto lunghezze.

PRIMO TEMPO: L’Hermes Casagiove la gara e sblocca il risultato dopo appena quattro giri di lancette con una bell’azione sull’asse Scarpato-Russo. Lancio illuminante di esterno destro di Scarpato che scavalca la retroguardia e giunge sui piedi di Russo che mette a sedere Carbone ed angola la palla quel tanto che serve a baciare il palo ed infilarsi in rete. Quattordicesima marcatura in quindici match per il goleador napoletano che sta vivendo un momento di forma strepitoso, ma è da applausi l’assist di Scarpato che sta entrando sempre più nei meccanismi dello scacchiere di Vincenzo Casaccio. Il Rinascita US Vico non si lascia sopraffare dai locali e perviene immediatamente al pareggio (7’). Schema su calcio di punizione per i vicani affidato a Bifulco, sponda diPinchera per Notaro che stoppa e trafigge Merola, decretando il nuovo risultato di parità. I giallorossi di Roberto Corsale subiscono il colpo ma reagiscono con veemenza. La porta di Carbone viene bersagliata da tentativi continui e costanti che, però, non sortiscono l’esito voluto dai padroni di casa. Al 10’ la punizione di Russo, deviata dalla barriera, viene bloccata in tuffo da Carbone, mentre al 13’ da calcio da fermo ci prova Scarpato che sfiora il palo. I padroni di casa accelerano ed al 14’ Russo pesca sul secondo palo Papa che di contro balzo chiama alla respinta Carbone: sugli sviluppi del corner successivo Papa ricambia il favore e crossa un pallone teso per Russo che non trova lo specchio della porta per un niente (15’). La pressione locale viene inframezzata dalla pregevole serpentina di Pincherache, arrivato a pochi metri dalla porta, conclude a colpo sicuro: meno male che tra i pali casagiovesi c’è un portiere del calibro di Tommaso Merola che devia la palla in corner grazie ad un’uscita tempestiva (20’). Dopo aver scampato il pericolo anche nel successivo angolo infruttuoso, e dopo che Scalera abbandona il terreno di gioco a causa di un taglio sotto il sopracciglio destro (sostituito da Sorgente), i giallorossi si riportano avanti e Carbone è ancora una volta costretto agli straordinari, deviando in angolo la punizione di Scarpato (27’). Il portiere vicano capitola al 31’, fulminato dall’ennesima perla di Raffaele Papa (da tutti chiamato affettuosamente Lello). L’immortale capitano giallorosso riceve l’intelligente sponda di Izzo e, dal limite dell’area, lascia partire un diagonale velenoso che indovina l’angolino alla destra di Carbone. Cerca la rete con insistenza anche Monaco che manca l’appuntamento con la marcatura da molto tempo, ma Carbone gli dice di no (34’). Nel finale gli ospiti provano a riacciuffare il pareggio ma la retroguardia capeggiata dall’insuperabile Mingione fa buona guardia e l’Hermes torna negli spogliatoi con il vantaggio in tasca.

SECONDO TEMPO: I Gagliardi approcciano nella ripresa così come nella prima frazione e mancano di un soffio il goal della tranquillità con Mingione che svetta più alto di tutti, sulla punizione di Papa, ma la sfera termina a lato (48’). Già in svantaggio, i vicani rimangono in inferiorità numerica per l’espulsione di Bracale che riceve la seconda ammonizione a causa di un fallo su Monaco fuori area. Il numero 4 gialloblù protesta soprattutto in merito al primo cartellino giallo, ricevuto nel primo tempo per una bestemmia a suo dire non pronunciata, ma l’arbitro è intransigente e gli intima di lasciare il terreno di gioco (59’). Il trainer ospite De Falco ricorre alla girandola di cambi, effettuando tutte e tre le sostituzioni effettuabili, mentre le palle goal scarseggiano da ambo le parti. Positiva è la prova dell’intera squadra casagiovese, in particolare di Santonastaso che a centrocampo rompe diverse offensive ospiti. La gara viene spezzettata da continui falli, così l’Hermes si rende pericolosa con due punizioni dal limite di Monaco e Scarpato che sorvolano la traversa di un niente. Con ancora negli occhi la beffa di due settimane fa con il Real San Felice, i giallorossi provano a chiudere la pratica ma vanno a sbattere contro il muro eretto da Carbone che si dimostra un portiere non bello a vedersi ma efficace nelle parate. La sua doppia respinta, nell’arco di tre minuti tra il 77’ e l’80’, prima su Papa e poi su Russo mantiene a galla i suoi, consentendogli di sperare nel pareggio. Nel finale viene allontanato dal terreno di gioco anche l’allenatore locale De Falco, mentre il risultato non si smuove più dal punteggio di 2-1.

TABELLINO: Hermes Casagiove-Rinascita U.S. Vico = 2-1

HERMES CASAGIOVE: Merola, Brustia (80’ Palmiero),Iannitti, Santonastaso, Mingione, Scalera (22’ Sorgente), Russo, Scarpato, Monaco (78’ Toscano), Papa, Izzo. In panchina: Di Bernardo, Bosi, Perretta, Di Gioia. Allenatore: Vincenzo Casaccio

RINASCITA U.S. VICO: Carbone, Simonetti, Celoro (64’Cozzolino), Bracale, Notaro, Rivitti, Pinchera, Parlato, Barone (62’ Scala), Bifulco, Borzone (66’ Provenzano). In panchina: Porcaro, Sabatino, Arianna, Rainone. Allenatore: Antonio De Falco

RETI: Russo 4’ (HC), Notaro 7’ (R), Papa 31’ (HC)

ARBITRO: Giovanni Conte della sezione di Salerno (assistenti: Alfonso Buonomo e Giosuè Vanacore di Castellammare di Stabia)

NOTE: Ammoniti: Monaco, Mingione, Papa (HC); Carbone (R). Espulso: Bracale al 59’ per doppia ammonizione (R). Allontanato l’allenatore ospite Antonio De Falco per proteste al 94’ (R). Angoli: 4-2 per l’Hermes Casagiove. Recupero: 2 nel primo tempo; 5 nel secondo tempo. Spettatori: 150 circa

DOMENICO VASTANTE

UFFICIO STAMPA F.C. HERMES CASAGIOVE