CONDIVIDI

Francesco Costantino

La Real Maceratese si gode la vittoria di sabato scorso a Santa Maria La Fossa. Un trionfo per niente facile su un campo che era inviolato dall’aprile 2014. Grazie alla prestazione accorta dell’intera compagine, è stata ottenuta la terza vittoria consecutiva, che lancia i biancoazzurri al secondo posto in classifica, appena un punto dietro le due prima classificate Maddalonese e Nola. C’è grande euforia nel team del presidente Andrea Guida, ma bisogna stare con i piedi ben piantati a terra. Sabato al “Polivalente” di Macerata Campania arriva la Maddalonese e tutti, nel team maceratese, hanno voglia di continuare la striscia positiva.

“Il morale è molto alto” – commenta il team manager Francesco Costantino – “grazie ai risultati positivi delle ultime giornate. Vincere a Santa Maria La Fossa è stato molto importante. E’ da parecchio tempo che ci tenevamo a fare belle figura. La gara è stata preparata benissimo, infatti i ragazzi sono entrati caricati ed hanno dimostrato la loro voglia di vincere”.

A pochi giorni dal big match con la Maddalonese, l’ex dirigente marcianisano carica i suoi: “Ci confrontiamo contro una bellissima squadra, che conta due squalificati Di Maio e Ndiaye. Quest’ultimo lo conosco bene perché l’ho avuto con me a Marcianise. Dispiace che non sia al completo. Noi affronteremo la Maddalonese come tutte le altre gare. Il nostro obiettivo non è quello di vincere il campionato, l’unico nostro intento è quello salvarci il più presto possibile. Abbiamo intenzione di fare più punti in meno tempo, così da evitare di lottare nelle ultime giornate di campionato”.

Sabato a Santa Maria La Fossa Costantino non era presente poiché era in visita al Santuario di San Gerardo. Nonostante l’assenza, il team manager era attaccato al telefono con il direttore generale Salvatore Mezzacapo: “Ero in contatto telefonico con Salvatore (Mezzacapo ndr). Quando è finita la partita, non credevo ai miei occhi. Però l’1-0, poi il 2-0 già mi avevano fatto pensare di vincere al 90%. Poi è arrivato il rigore, ma fortunatamente abbiamo vinto. Ho notato che anche questa volta abbiamo vinto malgrado le espulsioni ricevute (Sparaco in campo e Tartaro in panchina). Sta diventando un rito vincente”.

UFFICIO STAMPA A.S.D. REAL MACERATESE