CONDIVIDI

Tommaso Merola

“La gara contro la Sibilla Soccer è una finale play-out anticipata. Da terz’ultimi affrontiamo la quint’ultima e non possiamo fallire uno scontro salvezza del genere. Dobbiamo puntare solo alla vittoria. Ci tocca fare corsa solo su noi stessi, ottenendo quanti più punti in casa nostra. Se facciamo risultato domani, inizia un altro campionato”: esordisce così Tommaso Merola, portiere e capitano della Pasta Reggia Hermes Casagiove, alla vigilia della sfida in programma alle 14.30 di domani, sabato 16 gennaio, al “Comunale” di Curti.

L’ex pipelet di Savoia, San Marino e Virtus Carano è stato decisivo per il pareggio acquisito a Vitulazio domenica scorsa al cospetto della Sessana. La respinta del rigore calciato da Signorelli ed il miracolo sul bolide di Marraffino gli sono valsi la palma di migliore in campo, confermando sempre di più le qualità di uno dei portieri più forti della categoria: “Il pareggio con la Sessana alza il morale. Ci prendiamo di buono il punto, la voglia e l’attaccamento ma nel gioco dobbiamo migliorarci”.

Alla presenza numero 107 al quarto anno con la casacca giallorossa, Merola è uno dei fedelissimi del presidente Michele Corsale. Con l’Hermes ha raccolto la vittoria del campionato in Promozione e la salvezza al primo anno d’Eccellenza. Quest’anno gli è stata consegnata la fascia di capitano da Vincenzo Russo, un ruolo di primo piano che cerca di svolgere al meglio: “Da capitano mi sento molto responsabile, un peso legato all’attaccamento che bisogna avere alla famiglia dell’Hermes. Credo di aver dato un buon contributo con la Sessana. Sul rigore Signorelli non ha calciato bene e mi ha permesso di parare il rigore. Ero convinto di andare sulla sinistra, fortunatamente ho scelto il lato giusto. Sulla parata fatta all’80’, invece, mi sono meravigliato da solo. Sono dell’opinione che il portiere si vede da una parata, quindi penso di avere un po’ di merito. Rientra tra i miei interventi più belli, però la migliore resta la parata sul tiro di Armonia al Piccirillo contro il Gladiator”.

Infine il forte portiere classe ‘86 conclude: “Credo nella salvezza dell’Hermes, Se domani conquistiamo il bottino pieno, si aprono per noi nuovi spiragli ed avremo anche qualche pressione in meno nel duro confronto contro il blasonato Savoia. Nel mercato di riparazione sono arrivati diversi giocatori importanti. Sono da quattro anni a Casagiove e mai ho visto vestire in casacca giallorossa un calciatore del calibro di Genny Del Prete. Questi nuovi acquisti ci possono far fare la differenza nel raggiungimento del nostro obiettivo”.

DOMENICO VASTANTE

UFFICIO STAMPA F.C. HERMES CASAGIOVE