CONDIVIDI

image

Quattro giorni dopo il confronto di Coppa Italia, l’Hermes Casagiove si riaffaccia sul litorale domizio. Per uno strano scherzo del calendario, domani mattina alle 11 i giallorossi della famiglia Corsale saranno nuovamente ospiti della Sessana, per la gara della sesta giornata del girone A di Eccellenza. Al “Salvatore Gregorio Conte” di Mondragone si svolgerà il duello tra quelle due compagini che si sono date battaglia lo scorso anno, per l’affermazione finale nel girone A di Promozione. Per un solo punto ebbe la meglio l’Hermes, ma gli aurunci del presidente Vrola conquistarono il salto di categoria tramite la soluzione alternativa dei play-off. In questa stagione il peso di entrambe le squadre è diverso: la Sessana punta al vertice, mentre l’Hermes lotterà per la salvezza. La classifica attualmente vede ben 9 punti di differenza tra le due (Sessana 13, Hermes 4), ma si sa che il calcio non è una scienza esatta e spesso le piccole sovvertono il pronostico del pre-partita. A differenza della doppia sfida di Coppa Italia che ha permesso alla Sessana di accedere agli ottavi di finale della competizione tricolore (vincente 2-1 a Curti e pareggio 1-1 mercoledì), vestiranno il ruolo di protagonisti atleti di grosso calibro, che sono stati tenuti a riposo nella gara infrasettimanale. Il tecnico locale Riccardo Ricciardi posizionerà nel suo 4-3-3 i due ex calciatori di Serie A Fava Passaro e Camorani, ma sarà costretto a fare a meno dello squalificato Parente e degli infortunati Grasso e Franco (sarà in dubbio fino all’ultimo). Tra i giallorossi, invece, assenza forzata per gli infortunati Nuzzo e Pasquale Salzillo, mentre Russo e Gennaro Monaco riprendono posto in attacco, nel 4-3-3 di Domenico Santonastaso.

L’intervista di Umberto Iannitti. Scalpita per un posto da titolare nel match mattutino Umberto Iannitti, uno dei più promettenti giovani dell’Hermes Casagiove che è già sceso in campo per novanta minuti in Coppa Italia: “Domani mi aspetto una partita diversa rispetto a quella di Coppa, una partita dura contro una grande squadra come la Sessana. Ci rechiamo lì per fare risultato; almeno un punto lo dobbiamo portare a casa”. Il terzino sinistro classe ’96 ha le idee chiare sull’eliminazione dalla competizione tricolore: “Sinceramente credo sia stato preferibile essere usciti adesso e concentrarsi più sul campionato che è più importante. La coppa toglie energie per l’obiettivo da raggiungere che rimane fissato nella salvezza”. Autore del primo goal in prima squadra contro la Nuova Quarto per la legalità, all’inizio della sua seconda stagione tra i “grandi” dell’Hermes Casagiove, Umberto Iannitti è il gioiellino del settore giovanile casagiovese, cresciuto nel vivaio di Michele Corsale ed affermatosi in tutte le categorie con il suo sinistro prelibato ed una buona struttura fisica. Il primo goal siglato in Eccellenza non si dimentica facilmente ed a proposito di ciò lui afferma: “È stata una bella emozione. Ringrazio la società ed il presidente Michele (Corsale ndr) che mi ha dato la possibilità di giocare, il mister che mi ha detto di salire sul calcio d’angolo, da cui è scaturita la rete. Di quegli attimi mi ricordo di aver fatto un contro-movimento prima sulla sinistra e poi sulla destra: la sfera è finita sul mio quadricipite e poi ho visto la palla in rete”. Primogenito di uno dei dirigenti dell’Hermes, Raffaele, che da una mano e quest’anno riveste il ruolo di vice allenatore della juniores regionale al fianco di Gino Esposito, l’atleta casagiovese rimane con i piedi per terra e sente di ringraziare chi gli ha consentito di ottenere questa affermazione: “ Sin da piccolino, ho militato in tante categorie e dall’anno scorso il presidente mi ha dato l’opportunità di giocare anche nella prima squadra. Quest’anno ho esordito in Eccellenza, ed ora sono felice del primo goal realizzato. Cosciente che bisogna sempre lavorare, mi aspetto di fare ancora meglio e meritarmi di giocare la domenica”.

DOMENICO VASTANTE

UFFICIO STAMPA F.C. HERMES CASAGIOVE