CONDIVIDI

gerrard

Il Liverpool si riprende la vetta della Premier e si prepara nel migliore dei modi al big-match di domenica prossima contro il Manchester City distanziati di quattro punti, ma con due gare in meno. I Reds vincono 2-1 a Londra contro il West Ham una partita difficile e con diversi episodi dubbi. A sbloccare il risultato è un rigore al 44′ realizzato da Gerrard, rigore netto per un fallo di mano di Tomkins su tiro di Suarez. L’arbitro diventa protagonista in negativo un minuto dopo quando convalida un gol nettamente irregolare del West Ham, è netto il fallo di Carroll su Mignolet che facilità la conclusione a rete di Demel. La squadra di Rodgers torna in campo nella ripresa, consapevole che per inseguire il sogno Premier deve conquistare i tre punti, dopo aver colpito due traverse con Suarez (un legno anche per i padroni di casa con Carroll) trovano il meritato vantaggio, anche qui però c’è lo zampino dell’arbitro. Il signor Taylor concede un rigore generoso per un fallo del portiere Adrian in uscita su Flanagan, il tocco è leggero e l’episodio è molto dubbio. Dagli undici metri va ancora Gerrard che non si fa distrarre dalle polemiche e realizza il gol che riporta in vetta il Liverpool, domenica spettatore interessato del big-match sarà anche il Chelsea, per ora secondo a due punti dalla testa.

Nell’altra partita della domenica inglese, netta e pesante sconfitta dell’Arsenal che cede 3-0 al “Goodison Park” contro l’Everton e mette a rischio la qualificazione Champions. Infatti ora i Toffees hanno un solo punto dalla squadra di Wenger con una partita da recuperare. L’Everton ha dominato la gara, trovando il vantaggio con Naismith al 14′, chiudendo il discorso già nel primo tempo con Lukaku al 34’. Il tris per i padroni di casa arriva a metà secondo tempo con l’autorete di Arteta. Dopo l’ottimo inizio di campionato e dopo aver esser stato in testa per tantissime giornate, ora l’Arsenal rischia di rimanere fuori dalla massima competizione europea, un fallimento che potrebbe costare la panchina a Wenger.

Francesco Ragosta