CONDIVIDI
Neymar Barcellona
Il duello tra Barcellona e Atletico Madrid si fa sempre più entusiasmante, non c’è solo la Liga in palio, ma anche una semifinale di Champions tutta da conquistare al Vicente Calderon tra 7 giorni. Al Camp Nou finisce 1-1, un pareggio che fa sorridere soprattutto l’Atletico che potrà puntare a difendere il prezioso gol segnato in trasferta.
Il Tata Martino che deve rinunciare all’infortunato Victor Valdes si affida tra i pali a Pinto, sceglie in attacco il tridente formato da Neymar, Messi e Iniesta lasciando sia Pedro che Sanchez in panchina. Dall’altra formazione tipo per Simeone che insieme a Diego Costa schiera in avanti l’ex David Villa.
L’Atletico Madrid comincia meglio la partita, andando due volte alla conclusione da posizione molto pericolosa proprio con Villa. I blaugrana sono molto sfortunati perchè dopo solo dieci minuti devono rinunciare a Piquè, infortunato dopo un contrasto con Diego Costa, al suo posto entra Bartra. Sono però i blaugrana a creare la prima grande occasione al 25′, Messi serve al millimetro Iniesta che tira a botta sicuro e supera anche Courtois, ma è fondamentale l’intervento in scivolta di Godin che allontana la minaccia. Anche Simeone deve fare i conti con un infortunio pesante, alla mezz’ora infatti Diego Costa deve lasciare il campo per un problema al flessore, al suo posto dentro Diego. Il primo tempo si conclude così senza grande occasioni e con un sostanziale equilibrio in campo e come nelle previsioni un Barcellona con più possesso palla, ma i Colchoneros che non hanno mai mollato neanche un centimetro.
A spezzare l’equilibrio che regna anche nella ripresa è una magia di Diego, l’ex Juventus batte Pinto con un tiro da fantascienza che si insacca nel set. I catalani reagiscono subito, Bartra impegna Courtois con un tiro da fuori area. Martino rischia il tutto per tutto inserendo Sanchez al posto di Fabregas. Il cambio dà ragione al tecnico argentino, perchè Iniesta arretrato a centrocampo inventa un assist magico per Neymar, il brasiliano davanti a Courtois non sbaglia e riporta in parità la gara. Due minuti dopo il portiere belga evita il sorpasso blaugrana dicendo no ad una sventola da fuori area di Iniesta. L’ultimo quarto d’ora è un assalto del Barcellona, Simeone toglie uno stanchissimo Arda Turan per inserire Rodriguez. L’occasione per il Barça per ribaltare il punteggio arriva su punizione all’85’, ma ancora Courtois è decisivo, volando a deviare in angolo una punizione di Messi. La difesa madrilena anche se in affanno riesce a proteggere il prezioso pari, che in vista del ritorno a Madrid pone gli uomini di Simeone in vantaggio, tardiva la reazione del Barcellona e soprattutto sbagliata la scelta di Martino di schierare Iniesta nel tridente d’attacco, appena tornato a centrocampo il numero 8 ha regalato magie vere.
Francesco Ragosta