CONDIVIDI

acsavoia1908UN PAREGGIO CHE VALE COME UNA VITTORIA – In terra siciliana, il Savoia di mister Feola pareggia 3-3 contro il Messina, in una gara a dir poco rocambolesca. I biancoscudati nel secondo tempo trovano la forza per reagire e per pareggiare la partita.

Dopo 15 minuti di gioco, i bianchi vanno sotto con una punizione di Vella, che sorprende Maiellaro. Gli ospiti provano a reagire con Terracciano che colpisce il palo. Ma il Messina però realizza il raddoppio. Vella su punizione trafigge ancora una volta Maiellaro. la seconda rete pare svegliare i bianchi che vanno anche in gol con Meloni, ma il signor Viotti annulla per posizione di offside. Poi è ancora la sfortuna a fermare gli ospiti, quando la traversa dice no al tentativo di Scarpa al 41’. Il primo tempo si conclude con i padroni di casa avanti di due reti. Nel secondo tempo, Vella realizza la sua tripletta personale battendo per la terza volta il portiere del Savoia. Ma i bianchi non smettono mai di crederci e al 13’ accorciano le distanze con Scarpa che raccoglie una respinta corta del palo su tiro di Terracciano. Feola inserisce Carotenuto e Bizzarro al posto di Tiscione e Meloni e la scelta si rivelerà azzeccata. Proprio l’ex calciatore del Monaco, al 40’ sigla il 3-2 su azione di contropiede. Gli ospiti si gettano interamente in avanti e al 5’ di recupero agguantano il pari. E’ Del Sorbo, in compartecipazione con Di Pietro, a far impazzire di gioia la sua squadra, che esce dal Celeste con un punto pesante. Il Savoia si mantiene a +3 sull’Akragas, vittorioso per 7-0 sul Noto.

Vincenzo Fiorenza – Redazione Sport.ilmediano.it