CONDIVIDI

La ventiquattresima giornata del girone C di Lega Pro – che si concluderà domani con Catania-Matera – regala sorprese nelle prime posizioni della classifica. La lotta per la promozione diretta in B continua ad essere più avvincente che mai e promette di esserlo davvero sino alla fine. Il primato in classifica del Lecce si ferma sul terreno della Casertana: dopo un buon inizio di gara, i ragazzi di Padalino arretrano e subiscono così la rete di Ciotola. Gli ospiti iperdono la concentrazione e non riescono a riprendere in mano la gara nemmeno in 10 contro 11 dopo l’espulsione di Giorno. La squadra di Tedesco, nel secondo tempo, riesce a mantenere il punteggio inalterato approfittando di un avversario non in giornata e quasi mai pericoloso. In attesa del match tra Catania e Matera, è il Foggia a portarsi per ora davanti a tutti sfruttando al meglio il secondo impegno casalingo di fila. Con un netto 3-0 i rossoneri battono il Messina, che regge quasi un’ora prima di soccombere alle segnature di Mazzeo, Deli e Palumbo. A distanza di sette giorni dallo stop a Messina, si ferma ancora la Juve Stabia, stavolta sul campo del Siracusa: una doppietta di Paponi illude le Vespe, che poi però subiscono la rimonta dei locali, in gol con Scardina, Catania e Spinelli per un rocambolesco 3-2 che tiene in corsa gli uomini di Sottil per i play-off. Vince e sale momentaneamente al quinto posto la Virtus Francavilla che regola in scioltezza l’Akragas. Il match parte forte con una traversa colpita al 2′ dai padroni di casa, nel prosieguo altre occasioni pericolose ma il muro degli ospiti crolla al 54’ per il gol di Abate e ancora all’85’, quando a segnare è Pastore.

Finisce in pareggio il derby calabrese tra Vibonese e Cosenza. 1-1 il risultato finale, in gol prima Saraniti, al 40’ su rigore, e Calamai al 76’. La squadra di casa comincia meglio e riesce a passare in vantaggio dopo aver tenuto palla per lunghi tratti. Nella ripresa è ancora l’aggressività ad avere la meglio sul bel gioco, la formazione di Campilongo tira fuori il carattere e prova a rendersi pericolosa soprattutto in contropiede, fino alla rete del definitivo pareggio. Sesto a 37 il Cosenza, mentre torna così a fare punti la Vibonese dopo una serie di sette sconfitte e sale a 16 punti ma rimane ancora all’ultimo posto. Un eventuale successo avrebbe significato sorpasso sul Melfi, sconfitto 2-1 dal Fondi con le marcature di Giannone e Albadoro (inutile quella di Marino praticamente allo scadere). Vittoria al fotofinish per la Fidelis Andria, che piega in rimonta il Taranto, avanti con Viola ma poi colpito da Tito e in extremis da Aya. In chiave salvezza se la Reggina non riesce a trovare la via della rete contro il Monopoli, tre punti assai pesanti li conquista il Catanzaro andando a imporsi per 2-1 sul terreno della Paganese grazie a Zanini e Icardi dopo il momentaneo pari di Firenze per i campani.

Risultati Girone C, 24/a giornata: Casertana-Lecce 1-0, Fidelis Andria-Taranto 2-1, Foggia-Messina 3-0, Fondi-Melfi 2-1, Paganese-Catanzaro 1-2, Reggina-Monopoli 0-0, Siracusa-Juve Stabia 3-2, Vibonese-Cosenza 1-1, Virtus Francavilla-Akragas 2-0, Catania-Matera (martedì 7 ore 20.45).

 

Francesco Carbone