CONDIVIDI

Imbattibile:

(f.i,)
la Juventus allo Stadium non fa sconti a nessuno, conosce solo una via quella della vittoria. Il Bologna poco o nulla ha potuto contro una Juventus ancora scottata dopo la sconfitta contro il Milan in supercoppa, Higuain è sempre spietato sotto porta e apre l’anno con la quarta doppietta da quando è approdato a Torino.

Orgoglio:

tanto orgoglio da parte di Manolo Gabbiadini che con un piede al gate di Capodichino riapre la pratica Sampdoria nel gelo del San Paolo. Gabbiadini sa di essere in partenza, l’arrivo di Pavoletti è una certificazione di ciò, eppure è reduce da due preziosissimi gol, forse il Napoli non ha saputo sfruttare tutto il suo talento e in futuro potrebbe diventare un grande rimpianto.

Sfortunato:

Mattia Perin fa di nuovo crack, questa volta salta il ginocchio sinistro e per lui la stagione è praticamente finita. Che la situazione fosse seria si era subito capito, le lacrime di Perin hanno avuto il sapore di una sentenza e gli accertamenti in seguito non hanno lasciato più dubbi. Per Perin questo è il terzo grave infortunio in meno di due anni, il recupero sarà ancora una volta lungo ma di certo questo ragazzo lotterà per tornare a difendere la sua porta. In bocca al lupo!

Digiuno interrotto:

l’anno nuovo coincide con il ritorno al gol di Immobile e Bacca, due bomber che da un bel po’ erano rimasti a secco. I due hanno scelto un ottimo momento per tornare a graffire, i loro gol sono valsi per la vittoria di Lazio e Milan.

Cinica:

l’Inter di Pioli centra la quarta vittoria consecutiva  contro l’udinese grazie alla doppietta del croato Perisic. L’Inter non ha offerto un grande spettacolo ma è stata abile nel saper approfittare delle pochissime occasioni concesse dai friulani. Da quando Pioli è arrivato sulla panchina nerazzurra il vento è decisamente cambiato, certo basta poco per invertire di nuovo la tendenza, lo scorso anno il mese di gennaio sancì la fine dei sogni scudetto per l’Inter di Mancini, appunto per questo Gennaio sarà decisivo per i nerazzurri.

Habemus Berardi:

finalmente Domenico Berardi è tornato in campo, il suo ritorno è stato accolto da una vera e propria ovazione del Mapei Stadium. Il suo ritorno sembrava pura utopia, di settimana in settimana i tempi di recupero si allungavano sempre di più, la sua presenza in campo mancava addirittura da fine agosto. Il Sassuolo in questo periodo di certo non ha brillato ma adesso potrà contare nuovamente sul proprio faro, responsabilità non da poco per un ragazzo nato nel 94.

Fondamentale:

l’Empoli conquista tre punti d’oro contro il Palermo di Corini (rischia l’esonero) e si porta a +7 dalla zona buia che sancisce la retrocessione in b. Mattatore del  match è stato Big Mac Maccarrone che si dimostra ancora una volta fondamentale per i toscani; il Palermo cade ancora contro una sua diretta concorrente per la salvezza, i dieci punti conquistati fino adesso sembrano davvero pochi per sperare nella salvezza.

Vincenzo Torino