CONDIVIDI

Giornata ricca di sorprese nel Girone C di Lega Pro con tanti risultati imprevisti che rendono ancora più incerta e avvincente la corsa per la promozione. Dura appena una settimana la leadership del Lecce che esce sconfitto per 3-0 dal big match con il Matera. I biancazzurri espugnano il “Via del mare” e salgono a quota 29 punti, a sole tre lunghezze dai giallorossi. Al 19’ è il leccese Negro a sbloccare le marcature. Il raddoppio arriva con Armelino allo scadere della prima ripresa. Nel secondo tempo i lucani trovano il gol del 3-0 grazie a un eurogol di Strambelli. La Juve Stabia, in attesa di recuperare il match proprio con il Matera, batte 1-0 il Francavilla e si riporta in testa. Le vespe sfruttano il lungo possesso palla e le varie occasioni create nel corso della partita e ottengono i tre punti nel secondo tempo grazie alla rete di Mastalli. Non riesce ad approfittare della sconfitta del Lecce il Foggia di Stroppa che raccoglie un solo punto contro la Reggina al “Granillo”. I Satanelli, decimati dalle assenze di Padovan, Loiacono e Gerbo, riescono ad andarein vantaggio al 19’ con Sicurella, che mette la palla in rete su suggerimento di Agnelli. Sul finire di ripresa, inaspettato, arriva il pari amaranto su una sfortunata autorete di Angelo. Pugliesi a 31 punti in classifica, 14 per i padroni di casa. Dietro c’è grande bagarre per la corsa play-off con undici squadre racchiuse in 6 punti. Dopo lo stop a Siracusa, il Cosenza, quinta forza del girone, cade anche in casa, per mano del Catania che trova un po’ di serenità dopo le ultime vicende che hanno sconvolto la società. I silani partono bene e al 19′ trovano la rete del vantaggio con Baclet, ma i siciliani riescono a pareggiare i conti con Anastasi, che di testa infila Perina. La ripresa è più equilibrata, ma vede la formazione etnea più convinta rispetto alla prima frazione di gara. Il gol del 2-1 catanese arriva al 79′ con Mazzarani. I rossoazzurri salgono a quota 21 punti, a sole due lunghezze dai calabresi e agganciano il Fondi.

matera

Dopo sette risultati utili viene sgambettato in casa dalla Fidelis Andria, capace così di piazzare il sorpasso ai danni dei rossoblù. I pugliesi rimontano l’iniziale vantaggio dei padroni di casa firmato da Fissore e nella ripresa complice l’espulsione di Cruz, prima pareggiano con Cianci e poi ottengono i tre punti grazie a Valotti all’86’. Blitz esterno anche dell’Akragas che si impone di misura sul campo della Casertana, reduce da una lunga serie positiva. Tre punti importantissimi per gli aprutini, contro una diretta concorrente per la salvezza: gol decisivo di Ilari. Dopo tre stop di fila può tornare a sorridere pure il Monopoli, che fa suo il derby pugliese con il Taranto grazie a una rete nel finale di Montini. Non si fanno male Vibonese e Paganese, risultato che consente ai campani di conservare tre lunghezze di vantaggio. Il Siracusa supera 1-0 il Catanzaro e si porta quasi in zona play-off centrando la quarta vittoria nelle ultime cinque giornate: è Valente a firmare il gol partita che mette in ginocchio il Catanzaro fanalino di coda. Deve invece incassare la prima sconfitta dal suo arrivo in panchina al Messina Cristiano Lucarelli: a Melfi una doppietta di Foggia e poi Grea colpiscono i peloritani, che chiudono il match in nove per le espulsioni di Maccarone e Akrapovic.

Risultati Girone C, 16/a giornata: Casertana-Akragas 0-1, Cosenza-Catania 1-2, Fondi-Fidelis Andria 1-2, Juve Stabia-Virtus Francavilla 1-0, Lecce-Matera 0-3, Melfi-Messina 3-0, Monopoli-Taranto 1-0, Reggina-Foggia 1-1, Siracusa-Catanzaro 1-0, Vibonese-Paganese 0-0.

Francesco Carbone