CONDIVIDI

Casting:

I giudici di X factor (f.i.)
I giudici di X factor (f.i.)

No non siamo ad X factor, questa non è una storia di talenti musicali e di giudici pronti a dire un si o un no. Siamo a Milano, in un freddo weekend di novembre dove la dirigenza cinese dell’Inter ha dato via ai casting per sostituire l’esonerato Frank de Boer, casting che inevitabilmente è finito nel vortice dei media italiani. La scelta sembrerebbe essere caduta su Stefano Pioli, dopo i no a Zola e Marcelino, Pioli non ha ottenuto l’unanimità della “giuria” interista, infatti il suo nome sembrerebbe non entusiasmare i vertici cinesi. Appuntamento ai prossimi giorni per gli “home visit ” nerazzurri.

Risorto:

Ricky Saponara torna finalmente a graffiare in serie A, il suo gol contro il Pescara rompe un digiuno lunghissimo che pregiudicava per forza di cose le sue prestazioni in campo. Le lacrime dopo il gol sono una liberazione per il fantasista empolese, la sua carriera da qui potrebbe tornare a decollare, Saponara è uno dei talenti del calcio nostrano gli serve soltanto la giusta continuità per spiccare il volo.

Incerto:

ancora una volta Pepe Reina si dimostra poco affidabile, il portiere spagnolo poteva fare decisamente di più sul gol del laziale Keita. Alla fine Reina paga anche la scarsa vena sotto porta dei suoi compagni, purtroppo un errore in questo Napoli diventa un problema insormontabile.

Faraone:

Salah con una tripletta pazzesca regala altri tre punti alla Roma che è sempre più lanciata all’inseguimento della Juventus. Salah per la verità poteva andare a segno anche più volte ma alcuni eccessi di generosità alla fine gli hanno restituito il “misero” bottino di tre reti.

Scambio di ruoli:

tra Sassuolo e Atalanta abbiamo assistito ad un vero passaggio di consegne, dopo il secco 0-3 rifilato al Sassuolo di fatto è l’Atalanta la vera sorpresa di questo campionato. Non si fermano davvero più gli uomini di Gasperini sempre più lanciati in zona europea. Per un Atalanta in ascesa, c’è un Sassuolo in forte crisi di risultati, la vittoria in casa biancoverde manca ormai da 6 turni (coppa compresa).

Di tacco:

il Milan vince a Palermo, la magia di Lapadula vale altri tre punti per Montella che si presenterà al derby dopo la sosta con un vantaggio di ben 8 punti sui rivali cittadini. Di certo gli episodi ultimamente favoriscono i milanisti che forse raccolgono più di quanto seminato, fatto sta che questo Milan è tornato a volare e una vittoria nel derby potrebbe definitivamente consacrare la giovane orda italiana.

Amaro:

il pareggio tra Fiorentina e Samp, un punto che di fatto scontenta tutti. La viola conferma le sue difficoltà casalinghe, al franchi la vittoria manca addirittura da 4 turni; bicchiere mezzo pieno invece per la Samp che allunga a due i risultati utili consecutivi, mastica comunque amaro Giampaolo per un primo tempo buttato.

Magica:

è la punizione di Pjanic che disegna una traiettoria imparabile per qualsiasi portiere. Il bosniaco spegne così tutte le critiche “piovute” sulla sua testa dopo l’avvio di stagione balbettante, questa Juve con lui potrebbe fare quel salto di qualità che ancora manca per competere in Europa.

Vincenzo Torino