CONDIVIDI

In attesa del big match di questa sera tra Lecce e Foggia, il Girone C di Lega Pro ha regalato spettacolo ed emozioni anche in questo  weekend valido per l’undicesima giornata. La classifica cambia infatti momentaneamente padrone. In testa c’è ora la Juve Stabia che batte 2-0 il Cosenza al “Menti” e si porta a 25 punti, che le consentono di continuare a sognare il sogno promozione. I campani, arrivati alla loro terza vittoria di fila, sbloccano il match al 26′ con Ripa e chiudono i conti con Sandomenico in pieno recupero. Ad un punto di distanza dalle vespe si attesta il Matera di Auteri che supera 3-1 l’Akragas e vola a 24 in classifica. Negro apre il match su calcio di rigore. A fine primo tempo arriva anche il raddoppio grazie a Strambelli. Nella ripresa la formazione siciliana ha il merito di riaprire la gara con Gomez, ma in pieno recupero l’autorete di Cazè scrive la parola fine sull’incontro. Al terzo posto ci sono in coabitazione Lecce e Foggia ma tra le prime quattro e il resto delle squadre sembra già essersi creato un certo distacco: al quinto posto c’è il Cosenza, uscito sconfitto da Castellammare, mentre il Monopoli e il Fondi non ne hanno approfittato. I pugliesi si fanno infatti recuperare in extremis dal Catanzaro portandosi a 18 punti, mentre i giallorossi salgono a 9 punti, rimanendo invischiati nella zona playout. Il Catanzaro si porta in vantaggio con Sarao, ma al 9′ è Montini a ristabilire la parità. Nel secondo tempo il Monopoli ribalta il risultato con D’Auria, però a due minuti dalla fine arriva il 2-2 di Basrak.

matera

A differenza dei pugliesi, il Fondi è bravo a riportare la gara sul definitivo 1-1 contro la Casertana, che ormai non riesce più a dare continuità ai suoi risultati. I campani aprono i giochi con Carlini. Al 72′ arriva il pareggio: Albadoro fa gioire l’Unicusano. L’unica che riesce a vincere in zona play-off è la Virtus Francavilla, che batte a domicilio il Melfi, sempre più ultimo in classifica, con soli 6 punti. Finisce 1-0 per gli ospiti, che strappano i tre punti grazie alla rete di Abate al 75′. Si chiude 1-1 Siracusa-Fidelis Andria con Catania che sblocca l’incontro dal dischetto dopo essersi guadagnato il rigore. Per i pugliesi risponde Onescu con un preciso colpo di testa. Il Catania continua la sua risalita: i siciliani ottengono la loro quinta vittoria consecutiva in virtù del 2-1 in rimonta sulla Paganese. I campani sbloccano con Reginaldo al 64′, ma il pareggio del Catania arriva solo tre minuti dopo con Paolucci. A poco più di cinque minuti dal novantesimo arriva la rete che decide l’incontro grazie a capitan Biagianti. Vittoria fondamentale in ottica salvezza per la Vibonese che batte di misura la Reggina, mentre finisce 1-1 Taranto-Messina.

Risultati: Siracusa-Andria 1-1; Catania-Paganese 2-1; Melfi-Virtus Francavilla 0-1; Monopoli-Catanzaro 2-2; Taranto-Messina 1-1; Vibonese-Reggina 1-0; Juve Stabia-Cosenza 2-0; Casertana-Fondi 1-1; Matera-Akragas 3-1.

Francesco Carbone