CONDIVIDI

Sospeso:

 (fonte internet.)
(fonte internet)
per 1’ il match tra Pescara e Atalanta, colpa di una maledetta scossa di terremoto che nella serata ha colpito nuovamente il centro della penisola. Fortunatamente non si sono registrati danni a cose o persone allo stadio ma la paura è stata comunque forte. Passata la paura si è tornati nuovamente a far scorrere la palla sull’erba, una metafora per un paese che nonostante lo spavento e il terrore deve continuare a vivere.

Arrivederci:

a Florenzi della Roma che nella vittoria della sua Roma si rompe il crociato anteriore, il centrocampista sarà operato già in mattinata e farà il suo ritorno in campo tra 4-6 mesi. Florenzi è uno di quei giocatori che tutti amano perché da tutto quello che può in campo, cuore e anima comprese. La Roma perde dunque una pedina fondamentale del suo scacchiere, sostituirlo sarà praticamente impossibile.

Scaccianuvole:

Icardi con una doppietta scaccia tutti i nuvoloni neri sulla testa di Frank de Boer che rimanda almeno di qualche giorno la partenza  dalla Pinetina. L’Inter ieri ha offerto una buona prestazione contro il Torino, propositiva, ma la sfortuna sembrava essersi accanita sul tecnico olandese che ha visto cestinare dai suoi almeno 4 palle gol clamorose (fantozziano il gol sbagliato da Brozovic). La strada intrapresa sembra quella giusta, resta da vedere se de Boer avrà il tempo di percorrerla.

Vitale:

la vittoria del Napoli che adesso si può presentare allo Stadium con soli quattro punti di ritardo dalla Juve capolista. La squadra di Sarri fatica per un tempo contro un Empoli molto chiuso e ordinato, nel secondo tempo gli azzurri colpiscono prima con Mertens e poi con Chirichens, il bomber che non ti aspetti.

Ritorno sulla terra:

il Milan si risveglia bruscamente dopo la sconfitta  a Marassi con il Genoa e torna nuovamente a confrontarsi con la realtà dopo aver camminato sulle nuvole per qualche giorno. Il Milan non era una squadra di fenomeni prima e non è disastrosa ora, semplicemente è una squadra in cerca di una precisa identità; in questo senso quindi ci può stare qualche passaggio a vuoto per i rossoneri.

Re Giorgio:

Chiellini si prende tutte le luci della ribalta con una doppietta alla Sampdoria, il centrale della Juve firma così la sua quarta doppietta con la maglia bianconera. Certo la serata poteva essere macchiata dal suo errore in fase di disimpegno che ha permesso alla Samp di ritornare in partita, il secondo gol ha però “lavato” via tutto.

Colabrodo:

è il Cagliari di rastelli che in due partite subisce addirittura nove gol, passivo pesante per il tecnico sempre più in discussione. La Lazio ieri è stata spietata concretizzando tutto quello che il Cagliari gli ha offerto, imbarazzante la retroguardia sarda sul gol di Felipe Anderson.

Impantana:

la Fiorentina si blocca nel fango del Franchi, ne approfitta il Crotone che strappa un punticino da un campo al limite del praticabile. La viola era partita forte, ma il piano della partita è decisamente cambiato dopo lo stop di 40’ per il maltempo. Astori a pochi minuti dalla fine rimette almeno le cose parzialmente apposto, il suo gol vale comunque un punto, insperato per quanto visto nel secondo tempo.

Vincenzo Torino