CONDIVIDI

Nell’ottava giornata del girone C di Lega Pro frenano Foggia e Lecce, sempre appaiate al comando della classifica, adesso con 20 punti. All0 “Zaccheria” i rossoneri non vanno oltre lo 0-0 con l’Akragas e chiudono in dieci uomini per l’espulsione di Vacca. Il Lecce non approfitta del pareggio interno del Foggia e viene bloccato 2-2 sul campo della Vibonese. I padroni di casa giocano con grinta e aggressività e recuperano due volte il risultato: al 21′ salentini in vantaggio grazie ad una conclusione volante di Mancosu, ma poco prima dell’intervallo Saraniti pareggia con una punizione dal limite. Gli ospiti tornano avanti ad inizio ripresa con Lepore, tuttavia la Vibonese non si arrende e riacciuffa il pareggio con la doppietta di Saraniti al 74′. La Juve Stabia, terza forza del torneo non ne approfitta, anzi spreca la grande chance di portarsi ad una lunghezza dalla coppia di testa perdendo sul campo della Reggina. I calabresi giocano un match perfetto annullando le fonti di gioco delle vespe e ritrovano un successo che mancava da oltre un mese: Bangu timbra il gol decisivo. Campani terzi a 16 punti col Cosenza, che ottiene la quarta vittoria nelle ultime cinque partite e si candida tra le squadre in lotta per i playoff. Colpo esterno in rimonta tutt’altro che semplice a Fondi: i padroni di casa sbloccano subito il punteggio con un rigore di Albadoro, ma gli ospiti non perdono la calma e al 12′ trovano il pareggio grazie a Tedeschi. La zampata decisiva arriva al 70′ con Filippini.

foggia

Terzo successo di fila per il Monopoli che conferma il buon momento di forma e ottiene tre punti chiave in ottica salvezza: gli ospiti regolano la pratica Fidelis Andria con una doppietta di Gatto al 52′ e al 76′. Sesto posto in classifica per i neroverdi dietro il Matera, che cade un po’ a sorpresa a Siracusa. Primo stop per i lucani che prendono un palo in avvio con Casoli e poi, a metà ripresa, sbloccano il punteggio con un bel colpo di testa di Iannini. Sembra tutto facile per l’undici di Auteri, ma non è così: già al 66′ arriva l’1-1 firmato da Catania, lo stesso attaccante concede il bis al 71′ con una conclusione precisa da posizione ravvicinata. Tre punti d’oro per i siciliani. Il Catania che non vinceva dal 27 agosto ottiene il secondo successo in campionato nel giorno più importante, quello del sentitissimo derby col Messina, sconfitto 3-1 al “Massimino”. Il protagonista etneo è Di Grazia, autore di una fantastica tripletta: dopo appena tredici minuti sblocca il match, poi al 41′ l’attaccante raddoppia con una perfetta azione personale. Prima dell’intervallo i peloritani accorciano con Pozzebon e sognano di riaprire il derby: tutto inutile, perchè a dieci minuti dal fischio finale Di Grazia salta due avversari e gonfia per la terza volta la porta. Giornata da dimenticare per la Casertana, travolta 4-1 dalla Virtus Francavilla. Prestazione perfetta e di carattere dei padroni di casa che riprendono a marciare dopo un periodo piuttosto complicato. Botta e risposta tra Nzola e Carlini, poi è ancora Nzola a firmare il 2-1 ma nella ripresa gli ospiti si divorano il possibile 2-2 con Taurino. Da li in avanti i padroni di casa dilagano: vanno in gol Pastore e Trarico. Successo casalingo per il Catanzaro che batte 3-1 il Taranto e fa tirare un bel sospiro di sollievo al mister Somma. Al 14′ i padroni di casa hanno già due reti di vantaggio, decisive le giocate di Carcione e di Di Bari. Il Taranto è frastornato, non punge e al 54′ incassa addirittura la terza rete di Giovinco. Inutile il gol firmato da Balestrieri nel finale. Tris della Paganese sul Melfi.

Lega Pro Girone C – Risultati 8ª giornata:
Catania-Messina 3-1 ; Catanzaro-Taranto 3-1; Fidelis Andria-Monopoli 0-2; Foggia-Akragas 0-0; Paganese-Melfi 3-0; Reggina-Juve Stabia 1-0; Siracusa-Matera 2-1; Unicusano Fondi-Cosenza 1-2; Vibonese-Lecce 2-2; Virtus Francavilla-Casertana 4-1.

Francesco Carbone