CONDIVIDI

Nella quarta giornata del girone c di Lega Pro primo pareggio cinque partite per il Lecce, che per una volta non riesce a trovare la via della rete e viene bloccato sul nulla di fatto al “Via del Mare” dalla Casertana. Gara non bella, con poche occasioni da rete e dove si è messo in mostra soprattutto un ottimo Ginestra. I giallorossi di Padalino salgono così a quota 13 in classifica, mentre i falchetti si portano a 7 punti. Un pareggio che accende ulteriormente i riflettori sul posticipo di questa sera tra Messina e Foggia in cui la squadra di Stroppa ha la possibilità, in caso di quinta vittoria, di rimanere da solo al comando. In attesa del risultato dei satanelli, li ha affiancati a quota 12 la Juve Stabia: le vespe, al momento, sono l’alternativa più credibile al duo Lecce-Foggia e anche il Siracusa deve inchinarsi. Dopo aver battuto il Messina, la squadra campana centra il bis con un’altra siciliana, messa in ginocchio dalle marcature di Kanoute e Cancellotti. Mantiene l’imbattibilità il Matera di Gaetano Auteri (11 punti, di cui 10 nelle ultime quattro uscite), che però va in bianco contro il Catania, ma è solo un caso perché tra le due squadre succede un po’ di tutto. Per il Catania si tratta di un pareggio d’oro perché sono i lucani a recriminare e buttare letteralmente nel cestino una vittoria altamente alla portata: dominio dal primo all’ultimo minuto, un uomo in più dal 67′ (espulso Djordjevic), un rigore sbagliato negli ultimi minuti. Un Cosenza cinico e concreto sfrutta al meglio il secondo impegno consecutivo al ‘San Vito’, superando 2-0 nel derby calabrese la Vibonese. Il match è decisamente equilibrato e combattuto ma alla fine viene premiata la maggiore incisività dei silani al momento di concretizzare: i padroni di casa sbloccano la partita al 13′ con Gambino, poi è Statella a firmare il 2-0 al 34′ con una splendida azione personale.

lecce

Il Taranto sfodera un’altra prestazione pressoché perfetta, si impone 2-0 sulla Fidelis Andria aggravando la situazione dei biancoazzurri, alla loro terza sconfitta in cinque giornate. Al 27′ è Bollino a firmare la rete dell’1-0 con un preciso colpo di testa su assist di De Giorgi. La Fidelis, per la verità, non resta a guardare e sfiora il pareggio un paio di volte con Fall: il punteggio rimane in bilico fino alla fine, poi al 95′ il Taranto si conquista un rigore e chiude i conti con Viola dal dischetto. Prima vittoria stagionale dell’Akragas, che dunque può tirare un sospiro di sollievo: i siciliani riescono ad imporsi 2-1 e fanno un bel balzo in avanti in classifica. Secondo ko di fila, invece, per i pugliesi: al 17′ i padroni di casa spezzano l’equilibrio grazie a Zanini (superlativa conclusione a giro), ma la Virtus non ci sta e sfiora il pareggio con Abate e Nzola (entrambi si divorano due ghiotte occasioni da posizione molto favorevole). L’Akragas ringrazia e, al 62′, raddoppia con una conclusione a giro di Gomez (male Albertazzi). Nel finale Nzola prova a riaprire la gara con un delizioso pallonetto, ma il match non riserva altre emozioni. Stecca invece il Catanzaro di Mario Somma, che cade in casa per mano della Paganese: Deli e Reginaldo nel giro di 25 minuti consentono agli uomini di Grassadonia di cancellare lo zero in classifica e guardare con più serenità al proseguo del torneo. Termina in parità la sfida tra Monopoli e Reggina: secondo X di fila per i pugliesi, terzo per gli amaranto: il punto sta bene ad entrambe in ottica salvezza. Dopo appena due minuti i calabresi guidati da Karel Zeman sbloccano la gara con una prodezza di Porcino su punizione. I padroni di casa non si fanno prendere dal panico e al 26′ impattano con una zuccata di Esposito su punizione di Nicolini. Il Melfi rischia un altro tonfo, ma con carattere riesce ad evitare il quarto ko di fila: una doppietta di Tiscione nel primo tempo lancia il Fondi (finisce in dieci per il rosso a Varone), ma a metà ripresa sono Defendi e Foggia a firmare la rimonta dei padroni di casa, che interrompono la striscia negativa.

Girone C, 5/a giornata: Akragas-Virtus Francavilla 2-1, Catanzaro-Paganese 0-2, Cosenza-Vibonese 2-0, Juve Stabia-Siracusa 2-0, Lecce-Casertana 0-0, Matera-Catania 0-0, Melfi-Fondi 2-2, Messina-Foggia (questa sera ore 20.45), Monopoli-Reggina 1-1, Taranto-Fidelis Andria 2-0.

Francesco Carbone